Tech

Privacy

Facebook schederà le preferenze degli italiani sull'informazione

Pagine viste, tempo speso, utenti unici attivi, stream views. Tutto sarà riversato e schedato negli archivi del colosso guidato da Mark Zuckerberg

ANTITRUST APRE ISTRUTTORIA SU FACEBOOK, GIOVANNI PITRUZZELLA, ap

Tutta l'informazione giornalistica che gli italiani leggono in digitale dal primo giugno sarà consegnata ogni giorno ai server americani di Facebook. Pagine viste, tempo speso, utenti unici attivi, stream views. Tutto sarà riversato e schedato negli archivi del colosso guidato da Mark Zuckerberg e milioni di italiani saranno profilati. Lo apprende l'Adnkronos consultando i documenti che sono alla base del nuovo sistema Audiweb 2.0 per rilevare l'audience su internet.

Nel dettaglio sarà Nielsen, che ha siglato un accordo operativo con il consorzio Audiweb, a girare a Facebook i dati raccolti e questi li integrerà con informazioni relative a età e genere degli utenti, restituendoli ad Audiweb che, rendendoli pubblici, consentirà alle centrali media di pianificare gli investimentii pubblicitari. Un metodo che apparirebbe in contrasto con quanto emerso dall'indagine dell'Authority per le comunicazioni che ritiene necessario ''intensificare l'attività di vigilanza sui servizi di rilevazione dei contatti online'' e '' l'avvio di un percorso condiviso fra i diversi attori del mercato che porti le varie componenti del sistema multimediale a definire metodologie, tecnologie e metriche in grado di fornire informazioni circa il coinvolgimento del consumatore rispetto ai contenuti e alla pubblicità diffusa sulle diverse piattaforme di comunicazione, in un ambiente di rilevazione integrato''.  

E sono 85 gli editori soci del Consorzio Audiweb che sono rimasti invischiati in questa procedura, girando loro stessi i dati di chi accede alle loro pagine. Una situazione dunque che vedrà Facebook (che insieme a Google raccoglie il 71% della pubblicità on-line totale del mercato italiano e oltre l'80% di quella pianificata su device mobili) fornire al mercato i dati su cosa fanno gli italiani sul web. E quindi chi ha più audience. Sarà Facebook in sostanza a certificare dove devono andare gli investimenti pubblicitari di quel che resta del mercato: il 20-30%.      

Facebook però, a differenza degli altri editori operanti sul mercato digitale italiano, si rifiuta di farsi misurare da Audiweb e non consente di tracciare la propria audience. Una situazione surreale secondo gli addetti ai lavori: a fronte del tracciamento e profilazione di milioni di persone regalati a Zuckerberg, gli editori italiani si devono fidare a scatola chiusa dei dati forniti dal principale player del mercato di cui, come afferma l'Authority stessa ''non si conoscono sufficienti dettagli circa le metodologie di rilevazione e i processi di elaborazione''. Ne potrebbero derivare per la stessa Agcom "possibili distorsioni delle dinamiche dei mercati a valle di Internet e nel correlato mercato della pubblicità online''
Informativa breve

Il sito Rai utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi e se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui - Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.