Mondo

"Obiettivo irrinunciabile" la Republica catalana

Puigdemont rinuncia alla presidenza della Catalogna. Ma assicura: "Non ci arrenderemo"

Dal suo "esilio" a Bruxelles indica il numero 2 della lista del suo partito JxCat, Jordi Sanchez, detenuto per presunta ribellione a Madrid

Carles Puigdemont (GettyImages)

Il deposto presidente catalano Carles Puigdemont ha annunciato questa sera in un video diffuso attraverso le reti sociali che rinuncia "in maniera provvisoria" alla propria candidatura alla rielezione alla presidenza della Generalità della Catalogna e ha proposto come candidato il numero due della sua lista JxCat, Jordi Sanchez, detenuto per presunta ribellione a Madrid.

"Obiettivo repubblica è irrinunciabile"
Puigdemont ha anche annunciato l'inizio di "una nuova tappa" verso "l'obiettivo irrinunciabile" della Repubblica di Catalogna. "Non ci arrenderemo" ha affermato, annunciando l'imminente costituzione a Bruxelles di un "consiglio della Repubblica" di cui sarà presidente nell'esilio accanto al "governo dell'interno" che sarà formato a Barcellona. "C'è bisogno di fare politica all'interno e all'esterno", ha detto.

Mossa per sbloccare l'impasse
Il deposto presidente della Generalitat catalana ha spiegato che, con la sua mossa, intende sbloccare l'impasse politica dopo settimane di duri negoziati tra i partiti separatisti. "Non mi proporrò candidato alla nomina di presidente regionale", ha detto Puigdemont, che vive in auto-esilio in Belgio ed è ricercato in Spagna per il suo ruolo nel fallito tentativo di secessione.
Informativa breve

Il sito Rai utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi e se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui - Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.