Mondo

Area protetta

Esploratori lettoni dell’Antartide disperati: pinguini e falchi pescatori rubano le attrezzature

esploratori lettoni Antartide Janis Karušs Kristaps Lamters Maris Krievans (LNT/TV)

I tre membri di una spedizione lettone in Antartide, Janis Karušs, Kristaps Lamters e Maris Krievans, giunti sul posto un mese fa, rischiano il flop. La colpa è dei pinguini e dei falchi pescatori che rubano le loro attrezzature.

I tre ricercatori devono studiare la struttura e la trasformazione dei ghiacci dovute al cambiamento del clima. Ma non appena depositano le loro attrezzature i pinguini curiosi le spostano o le portano via. Se i pinguini possono essere inseguiti e gli strumenti recuperati, i falchi pescatori rendono l’impresa impossibile.

Durante le misurazioni sia i pinguini sia gli uccelli seguono a distanza ravvicinata i ricercatori, per poi rubare la strumentazione.

L’area è protetta, dunque agli scienziati è strettamente vietato scacciare o minacciare gli animali "autoctoni", così sono costretti a subire i furti continui.
Informativa breve

Il sito Rai utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi e se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui - Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.