Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/arriva-in-italia-dispositivo-smart-assistant-con-lo-schermo-echo-now-di-amazon-eb0d5d1b-fe51-4799-a0c5-a133d8388744.html | rainews/live/ | true
TECH

Amazon lancia Echo Show dal 27 febbraio

Arriva in Italia lo 'smart assistant' con lo schermo

Da 'parla con me' a 'guardami': la nuova frontiera degli assistenti virtuali domestici è il dispositivo smart con lo schermo. Lo producono già Google, Facebook e Amazon, ma l'azienda di Jeff Besos è la prima a lanciarlo anche in Italia. Un mercato, quello del VDA (virtual domestic assistant) che cresce inarrestabile e che toccherà 15 miliardi di dollari nel 2021

Condividi
Amazon lancia sul mercato italiano, a fine febbraio, Echo Show, un 'device' per il controllo della casa smart. Che cosa ha di diverso rispetto agli assistenti digitali?  Uno schermo da 10 pollici in alta definizione, una fotocamera da 5M pixel e un hub integrato per gestire tutta la ‘Casa Intelligente’. In pratica, la nuova frontiera dei dispositivi di controllo domestico, dove lo schermo fa la differenza: basti pensare alla possibilità di avere un ‘tutor’ in cucina per vedere come si cucina una pietanza, oppure l’ utilizzo da parte delle persone con minori capacità vocali.  

Smart con lo schermo
La sfida tra i colossi della tecnologia  si sposta quindi sul campo degli speaker con lo schermo, simili a piccoli tablet, più versatili rispetto ai tradizionali “cilindri”, per esempio per fare una videochiamata o guardare i titoli del notiziario tv senza interrompere altre attività, con un semplice comando vocale.
 
Al Consumer Electronics Show di Las Vegas, nel gennaio 2019, Google ha fatto conoscere i progressi dell'Assistant in versione tablet (lanciato nel 2018), che può – per fare un esempio - rispondere in forma testuale a una richiesta vocale, come una traduzione. Il dispositivo non è ancora commercializzato in Italia.
 
Facebook, unico tra i colossi del web, non ha ancora un proprio assistente vocale, ma ha scelto di partire dal video per arrivare all’audio,puntando tutte le carte direttamente su  Portal (non ancora disponibile in Italia), uno smart speaker – un piccolo tablet -  che parla con noi grazie ad Alexa di Amazon.  Ma presto potrebbe scendere nell’arena degli assistenti vocali come Siri, Alexa o o Google Assistant. .Ipotesi confermata da Yann LeCun, capo dell'Intelligenza artificiale di Menlo Park, in un'intervista al Financial Times.

 
 
L’inarrestabile ascesa degli assistenti
 In principio c’era Siri, l’assistente vocale inserito negli iPhone. Poi sono arrivati tutti gli altri - Cortana, Alexa, Google  – con cui fare domande allo smartphone usando il linguaggio invece di digitare le richieste. Poi, da circa tre anni, sono entrati nelle case gli assistenti digitali domestici, veri e propri dispositivi per controllare, sempre con la voce, gli oggetti connessi, dalla smart tv al termostato alle lampadine.
 
Una rivoluzione portata avanti grazie all’intelligenza artificiale, che ha conquistato in poco tempo i consumatori americani e, con grande velocità, anche quelli europei, Italia compresa Il mercato mondiale degli assistenti virtuali domestici, secondo il sito Statista, potrebbe superare i 15 miliardi di dollari entro il 2021:
 
Statistic: Size of the virtual digital assistant (VDA) market worldwide from 2015 to 2021 (in million U.S. dollars) | Statista
Find more statistics at  Statista  
 
 
Condividi