MONDO

Giro di vite della sicurezza

Pakistan, blitz dopo attentato al santuario. The Indipendent: "Uccisi 100 terroristi"

Nell'attacco di ieri, rivendicato dall'Isis, hanno perso la vita 100 persone

Condividi
E' stata durissima la risposta delle forze di sicurezza pakistane dopo l'attentato kamikaze di ieri sera al santuario sufi di Lal Shahbaz Qalandar a Sehwan, nella provincia del Sindh, costato la vita ad almeno 75 persone, tra le quali 20 bambini, e rivendicato dal sedicente Stato islamico. Secondo quanto riferito in una nota dai Ranger pakistani, almeno 39 "terroristi" sono stati uccisi nella notte nelle operazioni condotte nel Sindh. 
Le forze di sicurezza, stando a quanto riferito dal sito del quotidiano 'Dawn', hanno annunciato alcuni dettagli delle operazioni nel Khyber Pakhtunkhwa, nel corso delle quali sono state rinvenuti armi automatiche e granate. Tre estremisti sono morti in un blitz a Peshawar, quattro "terroristi" sono rimasti uccisi in uno scontro a fuoco nel distretto tribale di Orakzai e, infine, quattro hanno perso la vita a Bannu.

The Indipendent: "Uccisi 100 terroristi"
Successivamente l'Indipendent su Twitter scrive che l'esercito pachistano ha annunciato di avere ucciso oltre "100 terroristi" in un giro di vite della sicurezza dopo l'attentato al santuario sufi di Lal Shahbaz Qalandar, a Shewan, nella provincia meridionale di Sindh, avvenuto ieri e costato la vita ad un'ottantina di persone.
Condividi