Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/autonomia-fico-parlamento-abbia-ruolo-centrale-stefani-coinvolgimento-ci-sara-f8432839-79a0-4c72-909f-81a3753cece0.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Forello (M5s): "Una secessione dei ricchi"

Autonomia. Fico: "Parlamento abbia ruolo centrale". Stefani: "Coinvolgimento ci sarà"

"Noi abbiamo nella nostra Costituzione l'equa distribuzione delle risorse. Da questo punto di vista non deve accadere niente" spiega il Presidente della Camera. Il Ministro per gli Affari Regionali: "Allarmismo infondato"

Condividi
Salvini e Di Maio non nascondono che in materia di autonomie ci siano dei nodi da sciogliere. Ma si dicono ottimisti. Anche se questa mattina le parole pronunciate dal Presidente della Camera, Roberto Fico abbiano provocato la reazione del Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Erika Stefani: "Un coinvolgimento condiviso del Parlamento ci sarà" spiega. Ma avverte: "Sono delusa per le ricostruzioni sbagliate ma determinata ad andare avanti. Ogni allarmismo è del tutto infondato". Fico - poco prima -  aveva sottolineato l'importanza che proprio il Parlamento debba ricoprire "un ruolo centrale nella questione dell'autonomia differenziata. Non può avere un ruolo marginale in un'attività così importante". E aveva ammonito: "Noi abbiamo nella nostra Costituzione l'equa distribuzione delle risorse. Da questo punto di vista non deve accadere niente". Pronta anche su questo passaggio la replica della Stefani: "Ribadiamo il nostro totale rispetto del percorso indicato dalla Costituzione dei livelli essenziali delle prestazioni e dei bisogni di tutti i territori". 

Forello (M5s): "Una secessione dei ricchi"
La bozza di autonomia differenziata che il governo si appresta a discutere, rispetto alle competenze rafforzate chieste dalle Regioni Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna, sta creando malumori all'interno della maggioranza di governo. Ugo Forello, consigliere comunale del M5s di Palermo attacca sottolinendo che si tratta di "una secessione dei ricchi, che in un sistema squilibrato, qual è quello italiano, rischia di spaccare il Paese". Dunque, questa bozza "va bloccata o pesantemente rivista".

Gelimini (Forza Italia): "Sì al regionalismo differenziato"
Spaccature si registrano anche tra le forze di opposizione. In un tweet, Mariastella Gelmini, presidente dei deputati di Forza Italia dice: "Il partito del no di Di Maio colpisce ancora! Ogni giorno ce n'è una e oggi tocca all'autonomia differenziata. E' chiaro che vogliono fermare l'Italia. Noi ci opporremo ad ogni costo: meno Stato invadente al Nord, piu' Stato efficiente al Sud, Si' al regionalismo differenziato".

Fassina: "Basta propaganda"
"Basta propaganda su autonomia differenziata: il Presidente Zaia e il Presidente Fontana continuano a motivare le loro richieste sul terreno dell’efficienza, quando invece l’obiettivo reale è la redistribuzione territoriale e sociale delle risorse dai cittadini di tutte le altre Regioni, a parte l’Emilia Romagna dice invece Stefano Fassina, deputato di Leu. E spiega: "Per verificare il livello del raggiro in corso, è sufficiente leggere l’articolo 4 delle pre-Intese irresponsabilmente firmate dal Governo Gentiloni con Veneto, Lombardia e Emilia Romagna: in sostanziale violazione dei principi costituzionali di eguaglianza, è previsto che i fabbisogni standard vengono determinati in riferimento al gettito raccolto sul territorio regionale".

De Luca oggi formalizzo richiesta Campania
"Oggi formalizziamo con una lettera al Presidente del Consiglio la richiesta di autonomiadifferenziata anche per la Campania". Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. 
Condividi