Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/aziende-cinesi-talent-scout-alla-maker-faire-italia-cercano-startup-italiani-fatevi-avanti-cina-c995fdc1-10a0-4607-a5b8-03d0bd456908.html | rainews/live/ | (none)
TECH

Intervista al fondatore di IngDan

"Italiani fatevi avanti". Aziende cinesi fanno talent scouting alla Maker faire in cerca di startup

Il debutto dell’azienda di Shenzhen, che vuole conquistare l’Europa cominciando dall’Italia. Perché proprio da noi? È presto detto, abbiamo i migliori maker

Intervista a Jeffrey Kang, Ceo Cogobuy
Condividi
di Celia Guimaraes È appena sbarcata in Italia IngDan, la piattaforma per l'hardware intelligente del gruppo cinese Cogobuy (la più grande piattaforma di e-commerce per l’industria di manifattura elettronica in Cina). Il battesimo dell’azienda in Italia è avvenuto alla Maker Faire di Roma, in un incontro in cui si è parlato dell’offerta di IngDan di supportare i progetti innovativi e le startup italiane presso le aziende manifatturiere cinesi, in paticolare del distretto di Shenzhen.

Il battesimo con Banzi
Make for China è il nome del panel che ha visto la presentazione della società, un dibattito con Jeffrey Kang (fondatore e Ceo del gruppo Cogobuy) e Massimo Banzi, cofondatore di Arduino. Secondo Banzi, “produrre in Cina oggi è un grande vantaggio per le nostre imprese perché permette di diventare internazionali mantenendo la nostra forte identità italiana”. Per Kang, “oggi per le aziende italiane è inutile passare per gli Usa per arrivare in Cina perché con IngDan i Maker italiani possono essere messi in contatto con produttori e distributori cinesi. Per questo ho investito in Italia e sono convinto che in un anno in Italia riusciremo a scoprire e aiutare 2000 nuove startup. Questo è l’obiettivo che ho dato al nostro team ed è una sfida importante che spero tutta Italia raccolga per vincerla”.


Italian makers, fatevi avanti
Quello che si propone di fare IngDan alla Maker Faire di Roma è una sorta di ‘talent scouting’ per cercare 40 progetti da portare alla visibilità che può assicurare la versione cinese della rassegna dei Maker, a Shenzhen.
Abbiamo intervistato Jeffrey Kang nello stand dell’azienda, e gli abbiamo chiesto perché proprio l’Italia.
La sua risposta: “Siamo una delle più grandi aziende di internet in Cina e il nostro obiettivo è quello di connettere gli innovatori a livello globale, per sostenerli e aiutarli a trasformare i loro progetti in idee concrete. Noi vogliamo anche agevolare l’accesso di questi progetti innovativi al mercato cinese. L’Italia è un Paese di grandi idee innovative ed è per questo che lo abbiamo scelto come primo passo per espanderci successivamente nel mercato europeo”.
Condividi