Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/bimbo-morto-frusinate-mamma-arrestata-15cf8c42-5225-42d7-b98a-880983278559.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Bimbo morto nel Frusinate, arrestata la mamma

Non sarebbe stato investito come raccontato dalla donna: sarebbe morto per soffocamento

Condividi
E’ stata arrestata dai carabinieri la mamma del piccolo Gabriel. Il bimbo di due anni e mezzo di Piedimonte San Germano in provincia di Frosinone è morto ieri pomeriggio. A chiamare i soccorsi ieri la madre che aveva parlato di un’auto pirata che avrebbe investito e ucciso il bimbo.  Secondo quando ricostruito dagli investigatori del colonnello Fabio Cagnazzo, comandante provinciale, la ventottenne avrebbe invece cercato di far tacere il piccolo che piangeva chiudendogli la bocca con una mano e poi lo avrebbe strangolato. Il tutto sarebbe accaduto durante una passeggiata nei pressi dell'abitazione della nonna materna del bimbo. Il magistrato Valentina Maisto, della procura di Cassino, ha disposto lo stato di fermo per la donna con l'accusa di omicidio volontario e disposto il suo trasferimento nel carcere di Rebibbia a Roma. Inoltre lo stesso sostituto procuratore ha disposto che sul corpicino del bimbo venga effettuata l'autopsia.  

La donna arrestata, interrogata dai carabinieri aveva ancora i graffi   sulle braccia lasciati dal figlio nel tentativo disperato di salvarsi   dal soffocamento.  Eppure, una volta compiuto il drammatico gesto, la giovane mamma si è   rimessa a camminare verso la casa che le avevano lasciato i genitori. "Mi hanno investito con mio figlio in braccio" la prima versione raccontata anche ai   carabinieri di Frosinone che con lei hanno ricostruito in auto il   percorso che la donna aveva raccontato di aver fatto arrivando fino al  presunto luogo dell'investimento. E' stato lì che il castello di carte  costruito dalla ventottenne ha iniziato a crollare pezzo dopo pezzo.   Non un segno corrispondente a un incidente, nemmeno la traccia di   un'auto in fuga: le prime ammissioni della mamma sono partite da lì e   poi, davanti al suo avvocato e al sostituto procuratore Valentina   Maisto, la confessione. Poche lacrime, solo all'inizio. Un racconto   freddo, di una donna consapevole degli anni di carcere che   l'aspettano, cinica davanti ai carabinieri.        

Il corpo del piccolo Gabriel è ora nella camera mortuaria  dell'ospedale Santa Scolastica di Cassino dove sarà sottoposto a esame  autoptico. La madre, invece, è nel carcere femminile di Rebibbia.        
Condividi