Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/bocciato-da-consiglio-ue-ricorso-milano-su-ema-e2293086-2f29-42ee-be2b-9eda68b7ebef.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Agenzia del Farmaco

Bocciato dal Consiglio Ue il ricorso di Milano su Ema

Per l’istituzione di Bruxelles è irricevibile la richiesta di sospensiva del comune sulla scelta di Amsterdam come sede, oggi il sopralluogo in Olanda dei parlamentari europei

Condividi

Bocciato il ricorso di Milano sulla sede dell'Agenzia europea del farmaco, che è "manifestamente irricevibile", secondo un documento dell'ufficio giuridico del Consiglio della Ue, che in 26 pagine illustra i motivi per cui ritiene che la richiesta del capoluogo lombardo di una sospensiva sulla decisione di assegnare ad Amsterdam la sede dell’Ema non possa essere accolta. Secondo la 'memoria difensiva' del Consiglio, in primo luogo il comune di Milano ha commesso un "errore" perché ha fatto ricorso contro la “decisione del Consiglio dell'Unione europea”. Ma il Consiglio "non può essere considerato l'autore della decisione impugnata, ed essa non può in alcun modo essergli attribuita": la scelta infatti non è arrivata dall’istituzione di Bruxelles, ma "dai rappresentanti degli Stati membri” che hanno agito “in qualità di rappresentanti dei loro governi, esercitando in tal modo collettivamente i poteri degli Stati membri". Inoltre, il Comune di Milano non è il destinatario dell'atto impugnato, perché "non ha avuto alcun ruolo diretto nell'intera procedura di selezione, che ha unicamente visto coinvolta la Repubblica italiana".
 
Sopralluogo del Parlamento Europeo ad Amsterdam
Intanto oggi una delegazione dell’Europarlamento è nella capitale olandese per un 'faccia a faccia' con le autorità olandesi nello Spark Building, il palazzo nella periferia ovest della città, tra ferrovia e rampe autostradali, che dovrebbe ospitare provvisoriamente l'Agenzia, pronta a traslocare da Londra dopo la Brexit. Alla riunione parteciperà anche la dirigenza tecnica Ema, mentre la delegazione di parlamentari è guidata dal deputato del Ppe Giovanni La Via, il quale ha assicurato che si insisterà "sui tempi per rendere la sede adatta al suo scopo, vogliamo sapere ciò che ci aspetta in termini di lavori da effettuare con tutte le relative scadenze, non tutto è chiaro".  La commissione ambiente dell'Europarlamento si pronuncerà il 12 marzo, due giorni dopo toccherà alla plenaria riunita a Strasburgo votare. Se i deputati dovessero respingere la scelta dei governi di spostare la sede ad Amsterdam, Consiglio ed Europarlamento dovranno negoziare una soluzione alternativa.
 
Anche Tajani chiede notizie, l’Olanda rassicura
Nel frattempo, il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, ha scritto al presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker per chiedergli di visionare "tutti i dettagli" del dossier olandese, inclusa la parte che  è stata secretata come 'confidenziale'. La richiesta è arrivata ieri, lo stesso giorno in cui a sorpresa si  dimesso il segretario generale della Commissione Ue, l'olandese Alexander Italianer, responsabile della valutazione tecnica dei requisiti delle città candidate a ospitare l'Agenzia. Al suo posto, tra l'altro, è stato nominato proprio il capo di gabinetto di Juncker, Martin Selmayr. Dall’Olanda arrivano rassicurazioni, come quella dell'eurodeputato liberale Jan Huitema, che fa parte della delegazione di Bruxelles, secondo cui "il governo olandese farà il massimo" affinché la sede definitiva che ha vinto il famoso sorteggio battendo il Pirellone di Milano sia pronta entro il novembre 2019 e "non ci sia alcun impatto negativo sul lavoro dell'Agenzia del farmaco, in modo che la sua attività continui senza interruzioni".

Milano replica: ricorso fondato
Milano attende "con fiducia" la decisione sull'Ema da parte del Tribunale Ue, dopo il doppio ricorso presentato. Lo ha spiegato il professor Francesco Sciaudone, avvocato del Comune di Milano e managing partner dello studio Grimaldi, che segue il caso. Il professor Sciaudone non è preoccupato dalla difesa presentata dal Consiglio dell'Ue che chiede di rigettare "per manifesta irricevibilità" il ricorso del sindaco Sala, perché "il Consiglio dell'Ue non può essere considerato l'autore della decisione", come emerge dalla memoria depositata al Tribunale. Posizione ribadita dallo stesso primo cittadino, Giuseppe Sala, secondo cui la posizione del Consiglio è "ovviamente la loro azione difensiva" ma non sono loro che possono "ricevere il ricorso e non mi sarei aspettato che ci dessero ragione altrimenti la partita sarebbe già finita". 

Condividi