Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/bossi-minaccia-di-lasciare-lega-salvini-brutta-copia-rensi-carroccio-finito-27e07c14-22ee-4644-b121-0c265a0147fb.html | rainews/live/ | (none)
POLITICA

Il dopo primarie

Bossi minaccia di lasciare la Lega: Salvini brutta copia di Renzi. Con lui Carroccio finito

"Ci sono migliaia di fuoriusciti ed espulsi della Lega che hanno messo assieme un partito abbastanza grande e stanno attorno a Bernardelli - spiega il 'Senatur' - Io potrei valutare la situazione. Sono per continuare la battaglia per la liberazione del Nord ma prima vediamo i dati".

Condividi
Nessun commento, almeno per il momento di Umberto Bossi, uno dei padri della Lega Nord, sul trionfo di Matteo Salvini alle primarie che con l'82,7% è stato riconfermato alla guida del partito sconfiggendo sonoramente Gianni Fava, il candidato preferito dal 'Senatur'. Sulla strada per via Bellerio, Bossi era stato molto chiaro: "Se vince Salvini, che porta la Lega al Sud, il partito è finito", definendolo "la brutta copia di Renzi: sono tutti e due uguali, per loro la soluzione è 'prima il mio c...o'".

Bossi non nasconde l'amarezza per la vittoria di Salvini e su un possibile addio 'alla sua creatura' confida ai cronisti: "Ci sono migliaia di fuoriusciti ed espulsi della Lega che hanno messo assieme un partito abbastanza grande e stanno attorno a Bernardelli. Io potrei valutare la situazione. Sono per continuare la battaglia per la liberazione del Nord ma prima vediamo i dati". E achi gli fa notare che la Lega con Salvini è cresciuta nei consensi, ribatte: "Non è vero. Io ad ogni elezione pigliavo 4 milioni. I suoi sono sandaggi. I voti sono molti meno".

Il 'Senatur' ha poi incalzato: "Ma io non mollo. Non permetterò che il Nord venga tradito per qualche sedia in più. Oggi il Nord non ha più i soldi per mantenere il Sud". Secondo l'ex segretario, il problema dell'Italia "non è l'euro ma il centralismo romano e italiano". E a chi gli chiedeva dunque un confronto fra l'alleanza con Marine Le Pen e un'alleanza nuova con Silvio Berlusconi, Bossi ha risposto: "Berlusconi vuole un'Europa in cui ci sia un potere esterno che limiti le spese pazze dell'Italia, i Le Pen invece non erano fascisti all'acqua di rose ma andavano a scoperchiare le tombe degli ebrei, e la mia famiglia è sempre stata antifascista".

La replica di Salvini non si fa attendere: Per Bossi ho sempre rispetto a gratitudine. Se ha capito l'esito del voto di ieri sa cosa fare. Se ha altre intenzioni, interessi o obiettivi mi spiace ma non so cosa farci". Ed ha aggiunto: "Hanno scelto i militanti, (Umberto) Bossi faccia i conti con questi militanti, la sua coscienza e poi auguri, io ho voglia di guardare avanti, non indietro e non ho tempo da perde coi nostalgici". Poi ha precisato: "Non caccio nessuno". 
 
Condividi