Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/calcio-Champions-il-gol-di-Dzeko-ribalta-lo-Shakhtar-L-1-0-basta-per-prendere-i-quarti-Ritorno-degli-ottavi-all-Olimpico-a2e1c4d0-0931-4683-8de9-360ef66a8b71.html | rainews/live/ | (none)
SPORT

Ritorno degli ottavi all'Olimpico

Champions. Il gol di Dzeko ribalta lo Shakhtar. L'1-0 basta per prendere i quarti

Il bosniaco segna al 52' grazie a una palla rubata da Strootman. Ucraini in dieci nel finale per il rosso a Ordets, costretto a fermare con le cattive il n.9 lanciato a rete. Clamorosa sorpresa all'Old Trafford: il Siviglia di Montella vince 2-1 e fa fuori lo United di Mourinho

Condividi
Roma ai quarti, Shakhtar battuto all'Olimpico 1-0 al termine di una gara ricca di pathos e per questo niente affatto spettacolare. I giallorossi tornano così avanti in Champions dopo dieci anni esatti. E dopo undici l'Italia torna ad avere due esponenti fra le prime otto: nel 2007 furono il Milan (che vinse la coppa) e proprio i giallorossi. A firmare il ribaltamento del 2-1 subito in Ucraina è Edin Dzeko, ancora decisivo dopo la doppietta che ha affondato il Napoli in campionato dieci giorni fa. Dato per fatto già al Chelsea nel mercato di gennaio, per fortuna dei giallorossi il bosniaco poi non è partito.

Nessuna sorpresa nelle formazioni. Il 4-3-3 di Di Francesco ha terminali offensivi Under, Dzeko e Perotti. Fonseca col 4-2-3-1, gli spauracchi sono i trequartisti Marlos, Taison e Bernard. Fiammata giallorossa in apertura, con Dzeko, poi la partita devia su un binario più compassato. Gli ucraini danno l'impressione di tremare, e parecchio, se aggrediti. Ma la Roma non osa più di tanto. Florenzi rischia l'autogol su calcio da fermo di Bernard, Fazio rischia grosso facendosi soffiare palla da Ferreyra (l'argentino rimedia d'esperienza). Dzeko sgomita con i centrali Ordets e Rakitskiy, il bosniaco non ha vita facile. Pyatov lo anticipa su un cross interessante di Perotti. Bene Florenzi in un paio di recuperi, provvidenziali. La Roma, però, è chiamata a fare parecchio di più.

Ripresa che comincia ugualmente al piccolo trotto. Ma arriva presto l'episodio che cambia l'inerzia. Recupero di Strootman a centrocampo e immediata imbucata per Dzeko che sorprende la difesa in salita. Il n.9 osserva l'uscita di Pyatov e la piazza fra le gambe del portiere. Al 52' lo Shakhtar è costretto a modificare la strategia e il match diventa più aperto. Lancio su Nainggolan che scarica al limite per Dzeko, tiro largo di poco. Di Francesco avvicenda Under (in ombra) con Gerson. Vola in contropiede Perotti, allungo per Dzeko che calcia alto. Il cronometro è alleato dei giallorossi, lo Shakhtar ha il possesso palla, ma non affonda. Gerson pecca in cattiveria su un interessante pallone che gli arriva in area. Al 79' il rosso diretto a Ordets (trattenuta evidente su Dzeko che lo aveva saltato) dovrebbe dare ulteriore benzina alla Roma. Che invece si abbassa, quasi ad accusare un'ingiustificata fatica. Finisce con lo Shakhtar in forcing e con un brivido sulla scivolata di Dentinho che non arriva a deviare un cross di Taison da dentro l'area piccola.

Clamorosa sorpresa nell'alltro ottavo di serata. Il Manchester Utd viene battuto in casa dal Siviglia di Montella che così si qualifica (all'andata 0-0). Tutte nel finale le emozioni che contano. Al 74' e al 78' la doppietta di Ben Yedder mette alle corde la squadra di Mourinho. Che risponde all'84' con Lukaku. L'1-2 resiste per i dieci minuti che mancano, compreso recupero. Sorpresa decisamente amara per lo 'Special One' già tagliato fuori dalla Premier League dai cugini del City.
Condividi