Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/calcio-Coppa-Italia-L-Atalanta-doma-una-generosa-Fiorentina-e-va-in-finale-a-Bergamo-finisce-2-1-925ca8ea-b319-403d-a99f-1d01e0641430.html | rainews/live/ | true
SPORT

Partita di ritorno delle semifinali

Coppa Italia. L'Atalanta doma una generosa Fiorentina e va in finale, a Bergamo finisce 2-1

Dopo il 3-3 dell'andata il fulmineo gol di Chiesa mette in apprensione gli orobici, che pareggiano presto col rigore di Ilicic. Nella ripresa il match-point di Gomez, favorito da un erroraccio di Lafont. L'epilogo del trofeo, il 15 maggio a Roma, opporrà la squadra di Gasperini alla Lazio

Condividi

L'Atalanta continua il sogno e raggiunge l'epilogo della Coppa Italia. Fra gli orobici (alla quarta finale) e il trofeo c'è ora solo la Lazio. Il ritorno della semifinale contro la Fiorentina all'Azzurri d'Italia finisce 2-1 per i nerazzurri, forti già del 3-3 ottenuto a Firenze nell'andata di due mesi fa. I viola provano a mettere in discussione il pronostico e vanno rapidamente in vantaggio. Poi, un po' a sorpresa, subiscono il gol del sorpasso in seguito a un evidente calo fisico (nonostante avessero avuto un riposo di cinque giorni dalle fatiche di campionato contro i tre degli avversari).

Centrocampo a quattro e classico terzetto Ilicic-Gomez-Zapata, col colombiano punto di riferimento centrale di Gasperini. In panchina il diffidato Mancini. Montella risponde col 3-5-2: Chiesa e Muriel le punte, Mirallas e Biraghi gli esterni, Veretout perno centrale. Avvio da sogno che per i viola. Al 3' Chiesa imbuca per Muriel, perso dalla retroguardia orobica, che infila Gollini. La difesa di casa balla. Chiesa vince un paio di rimpalli e arriva davanti a Gollini ma tocca a lato. Veretout, in contropiede da corner nerazzurro, salta in velocità un paio d'avversari e si presenta in area in posizione un po' defilata, Gollini si oppone bene. Un minuto dopo l'Atalanta, fin qui boccheggiante, trova insperato ossigeno: Gomez riceve in area, difende il pallone e va a contatto con Ceccherini. Per Calvarese è rigore che Ilicic (14') trasforma. Il pari tranquillizza i nerazzurri che ora sono impermeabili ai tentativi di ripartenza viola. Di contro il fraseggio dell'Atalanta non preoccupa Lafont, se si eccettua un colpo di testa Gosens che danza nei pressi della linea.

La Fiorentina si riaffaccia pericolosamente a inizio ripresa. Muriel lancia in area Benassi, Gollini in uscita chiude lo specchio. Atalanta di nuovo in sofferenza per qualche minuto, la staffilata di Gomez dai 25 metri chiama alla respinta Lafont e ridà equilibrio alla squadra di Gasperini. Che sceglie di aumentare la pressione con l'inserimento di Pasalic per Freuler. Zapata si gira nel cuore dell'area, sfera rimpallata a fil di palo. Il neoentrato croato ci prova dai 16 metri, Lafont respinge a mani aperte. Montella vede i suoi spenti e inserisce forze fresche: Dabo per Gerson. Ma l'Atalanta insiste e al 69' passa. Gomez fa partire un diagonale rasoterra dal vertice dell'area, Lafont si tuffa a pugni chiusi e infila il pallone clamorosamente nella sua porta. L'erroraccio del portiere rende un Everest la qualificazione per la Fiorentina. Che si propone generosamente avanti, invertendo l'inerzia fisica della gara. Chiesa calcia altissimo, Mirallas viene ribattuto. Montella prova l'all-in: Simeone per Benassi. In questa fase è l'Atalanta a sfruttare il contropiede, Zapata sciupa davanti a Lafont dopo aver vinto il duello con Pezzella. Applausi per Ilicic, che lascia il campo stremato (entra Mancini a puntellare la difesa). La punizione di Chiesa (deviata dalla barriera) è l'ultimo atto della gara, all'Olimpico il 15 maggio ci va l'Atalanta. Per i viola svanisce l'ultima possibilità di agguantare un posto in Europa.

Condividi