SPORT

Partita d'andata degli ottavi

Europa League. La Roma in Francia dura un tempo, il Lione rimonta e vince 4-2

Bene i giallorossi nella prima frazione. Sblocca Diakhaby, Salah e Fazio ribaltano il punteggio all'intervallo. Nella ripresa la squadra di Spalletti si spegne. Tolisso, Fekir e Lacazette sorpassano e chiudono il poker. Ritorno fra una settimana all'Olimpico.

Condividi
La Roma dura solo un tempo al Parc Lyonnaise ed esce dalla gara di andata degli ottavi di Europa League sotto 4-2. Sconfitta pesante anche perché i giallorossi erano avanti 2-1 all'intervallo. Risultato non impossibile da ribaltare la settimana prossima all'Olimpico, dove però serviranno 90' di totale impegno. 

3-4-2-1 tipo di Spalletti, con Alisson fra i pali, Juan Jesus con Fazio e Manolas, Bruno Peres ed Emerson sulle corsie, Salah e Nainggolan dietro Dzeko. Genesio parte con tre uomini (Ghezzal, Tolisso e Valbuena) dietro Lacazette. Per i francesi delizia e croce Diakhaby nei minuti d'avvio. Il difensore è bravo nell'inserimento all'8' sulla punizione di Valbuena allungata di testa da Rafael e porta in vantaggio il Lione. Al 20', però, scivola goffamente nel cerchio di centrocampo e apre un'autostrada a Salah che sigla il pareggio. Fra i due gol c'è l'occasione per Valbuena che si fa rimpallare un rigore in movimento dopo uno spettacolare triangolo. I giallorossi soffrono per qualche minuto la corsa e la pressione dei transalpini, poi trovano le contromisure. Combinazione Dzeko-Salah e palla a Strootman, Lopes si salva. Roma martellante al 33', azione prolungata che porta al cross di De Rossi per lo stacco aereo di Fazio che sancisce il sorpasso. La squadra di Genesio va in bambola e i giallorossi hanno il torto di non riuscire a dare la zampata prima dell'intervallo.

Alla ripresa del gioco, infatti, si vede un altro Lione. E, probabilmente, anche un'altra Roma. Ripetuto scambio Lacazette-Tolisso che libera il centrocampista (nel mirino di alcune squadre italiane) per la rasoiata dal limite che non dà scampo ad Alisson. Al 47' è di nuovo parità. In contropiede c'è subito un'occasione per i giallorossi, Strootman non è felice nella conclusione. La pressione dei padroni di casa si fa costante. Alisson è reattivo su una conclusione 'sporca' che diventa pericolosa per una deviazione. Portiere della Roma ancora in evidenza sulla staffilata di Lacazette e poi sul colpo a giro di Valbuena. Genesio azzecca il cambio: Fekir prende il posto di Mammana (71') e il neoentrato al 74' trafigge Alisson in diagonale evitando tre difensori. Controsorpasso Lione. Tentativo di Bruno Peres, che impegna a terra Lopes, poi finale solo per la squadra di casa. Spalletti inserisce forze fresche (Paredes e Perotti per De Rossi e Nainggolan), ma non argina le folate francesi. Bravo Alisson a chiudere lo specchio a Lacazette e a controllare la botta da fuori di Fekir. Ma al 92' arriva la staffilata di Lacazette che s'infila proprio nel sette e chiude il poker.

Nelle altre partite, sorprende l'1-1 del Manchester United a Rostov. Red Devils avanti con Mkhitaryan, pari russo con Bukharov. 1-1 anche nel derby tedesco fra Schalke e Borussia Moenchengladbach (Hofmann e Burgstaller nel primo tempo). Nel derby belga, invece, netto successo del Genk (squadra che era nel girone del Sassuolo) che espugna 5-2 il campo del Gent. Sorpresa Copenaghen, che supera 2-1 in casa l'Ajax, l'Anderlecht vince 1-0 a Nicosia contro L'Apoel (che ai sedicesimi ha fatto fuori l'Athletic Bilbao).
Condividi