Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/calcio-Europa-League-Milan-Olympiacos-Zapata-8a5a6b1a-31c6-42d6-993c-49c0e3852fc7.html | rainews/live/ | (none)
SPORT

Europa League, sesta giornata della fase a gironi

Milan addio Europa, l'Olympiacos vince 3-1 e passa

La differenza reti complessiva condanna i rossoneri, agganciati a pari punti dai greci. Zapata aveva rimesso in carreggiata la partita, ma un rigore per fallo di Abate su Torosidis affossa la squadra di Gattuso: ai sedicesimi vanno i biancorossi del Pireo

Condividi
di Nicola Iannello Beffa amara per il Milan che non supera la fase a gironi di Europa League. La sconfitta 3-1 patita dall’Olympiacos al Pireo condanna i rossoneri per la differenza reti. I greci agganciano la squadra di Gattuso al secondo posto del girone F a 10 punti, gli scontri diretti sono in parità (a San Siro era finita con identico punteggio), ma i biancorossi hanno una miglior differenza reti complessiva: +5 contro +3. Fatale al Milan è stata la sconfitta casalinga con il Betis Siviglia, che pareggia in casa del fanalino di coda Dudelange, e chiude in testa con 12 punti (per i lussemburghesi primo punto).
 
Nella sesta e ultima partita della fase a gironi, Pedro Martins schiera un 4-2-3-1: José Sá; Elabdellaoui, Cissé, Vuković, Koutris; Camara, Guilherme (12 presenze nel Benevento); Fetfatzidis (ex Genoa e Chievo), Fortunis, D. Podence; Guerrero. Gattuso opta per le due punte e, privo di Suso, manda in campo un 4-4-2: Reina; Calabria, Abate, Zapata, Ricardo Rodriguez; Castillejo, Kessié, Bakayoko, Çalhanoğlu; Higuain, Cutrone. Arbitra il francese Bastien.
 
Pronti-via e il Milan (in maglia da trasferta nera con maniche rosse) rischia di andare sotto: dopo 10” Reina deve uscire coi piedi fuori area per fermare il lanciatissimo Guerrero. Al 7’ il portiere rossonero per poco non combina un pasticcio stoppando male un retropassaggio di Rodriguez. La squadra di Gattuso sembra soffrire l’ambiente infuocato. Higuain ha un buon pallone al 18’, ma José Sá gli chiude lo specchio della porta. Sul calcio d’angolo, il portiere dell’Olympiacos mette sopra la traversa una schiacciata di testa di Zapata. Al 21’ occasione anche per Cutrone, ma il suo destro è fiacco e viene bloccato da José Sá. Al 26’ mischia in area rossonera, sbrogliata da Kessié. La partita procede a strappi. Il Milan spreca anche una superiorità numerica in attacco. Kessié si destreggia in area avversaria e poi va al tiro da posizione decentrata, trovando la respinta di José Sá. Al 44’ Reina mette in angolo una punizione insidiosa di Fortounis.
 
In avvio di ripresa, subito Fetfatzidis al tiro di sinistro, fuori di un soffio. Risponde Kessié con una bomba di destro che sfiora il palo della porta dell’Olympiacos. Al 53’ Fetfatzidis va due volte al tiro in sequenza, la prima volta respinge Reina, la seconda pallone largo. Il portiere del Milan deve poi opporsi a una conclusione volante di Elabdellaoui, inseritosi dalla destra. Al 60’ il Milan si distrae e subisce gol: su calcio d’angolo battuto a sorpresa, Vuković incorna, Higuain respinge di petto, irrompe il colosso Cissè che segna di testa a porta sguarnita. Immediata replica rossonera, ma il destro di Cutrone dal limite non centra la porta di poco. Ma il Milan è in difficoltà. Ci vuole un miracolo di Reina su Fortounis e una respinta di Zapata a porta vuota su Guerrero per tenere a galla la squadra di Gattuso. Fiammata di Higuain, destro di una spanna a lato. Al 70’ Milan ancora in barca su un’azione partita da sinistra; il pallone arriva a Guilherme che calcia di destro, Zapata ci mette il piede e beffa Reina con una deviazione sfortunata. Ma la fortuna sa anche restituire: su corner di Çalhanoğlu da sinistra, Zapata trova il tocco di ginocchio che vale il gol, rilevato con la tecnologia sulla linea di porta. Al 75’ Abate “mura” col corpo un tentativo ravvicinato di Guerrero. Al 78’ Higuain alza troppo la mira un pallone non di facile controllo. All’80’ l’arbitro “inventa” un rigore per trattenuta di Abate sull’appena entrato ex Roma Torosidis, dal dischetto Fortounis spiazza Reina per il gol che condanna il Milan (81’). Gattuso inserisce il giovane croato Halilović per Rodriguez (85’). Al 92’ un tiro di Higuain deviato da un difensore per poco non beffa José Sá. Vano l’assalto finale rossonero, con Reina in area avversaria.
Condividi