Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/calcio-Serie-A-Poker-della-Roma-alla-Sampdoria-doppietta-di-El-Shaarawy-149126a3-4d5d-4dcb-bde4-782d33ed4882.html | rainews/live/ | true
SPORT

Le partite della dodicesima giornata

Serie A. Poker della Roma alla Sampdoria, doppietta di El Shaarawy

Col 4-1 dell'Olimpico i giallorossi tornano al successo in campionato dopo quattro partite. Pari in altalena, 2-2, fra Chievo e Bologna: i clivensi 'cancellano' la penalizzazione, ma Ventura si dimette. L'Empoli supera 2-1 l'Udinese

Condividi
La Roma ritorna al successo in campionato dopo tre partite, il Chievo 'annulla' il segno meno in classifica (frutto dei tre punti di penalizzazione), ma a fine partita Gian Piero Ventura si dimette. L'Empoli batte e aggancia l'Udinese nella zona critica della classifica.

Roma-Sampdoria 4-1
Di Francesco dà fiducia a Schick, nel tridente con Kluivert ed El Shaarawy. L'ex Defrel con Caprari nell'attacco di Giampaolo. Non ci sono grandi sussulti nella partita, finché la Roma sblocca lo score al 19': su corner, Cristante gira bene di testa e Juan Jesus spinge in rete un pallone che sembrava comunque entrare in porta. Col vantaggio acquisito, i giallorossi giocano meglio. In due minuti rischiano il pari e vanno vicini al raddoppio. Al 32', infatti, Kolarov di testa centra in pieno il suo palo cercando di mettere in corner un cross; al 34' bella serpentina di Kluivert che prova a superare Audero con un tocco d'anticipo, ma centra il montante. Samp appena più vivace nella ripresa, Olsen incerto su una conclusione da lontano di Ramirez. Sudori freddi per la Roma al 54', quando Irrati prima concede e poi 'revoca' (col conforto del Var) un rigore per un contatto fra Manolas e Ramirez. L'episodio mette le ali ai piedi ai giallorossi, che raddoppiano al 59' con Schick, servito a due passi dalla combinazione El Shaarawy-Kolarov sulla sinistra. Al 72' lo stesso El Shaarawy mette il punto esclamativo con un gran destro a giro dopo che Audero era riuscito a chiuderlo in uscita bassa. Nel finale botta e risposta. L'ex Defrel segna il gol della bandiera all'89', al 93' El Shaarawy fa doppietta e chiude in festa.

Chievo-Bologna 2-2
Altalena di emozioni al 'Bentegodi', dove il Chievo cancella il segno meno in classifica (ora è a zero punti). Si comincia al 3' col gol di Santander, tutto solo davanti a Sorrentino per una posizione di fuorigioco 'sanata' dal tocco di un difensore (dopo abbondante consulto al Var). Il Chievo rischia la capitolazione, Dzemaili sbaglia da pochi passi, poi pareggia col rigore di Meggiorini (20', mano di Calabresi). Sorpasso dei padroni di casa proprio sul sipario del primo tempo con Obi che si ritrova un facile pallone dopo il 'liscio' di Meggiorini in rovesciata. Ripresa divertente. Sbagliano Kliyine e Svanberg, fa centro di testa Orsolini (56', cross di Krejci) per il pari felsineo. Sorrentino risponde a Santander (testa da posizione ravvicinata) e alla punizione di Orsolini, dall'altra parte Birsa manda a lato un'ottima chance e Skorupski nega il gol a Depaoli. Dopo la partita Piero Ventura non si presenta in conferenza stampa e annuncia le dimissioni. La sua avventura al Chievo è durata quattro partite: tre sconfitte e questo pareggio.

Empoli-Udinese 2-1
Friulani tambureggianti, ma la spuntano i toscani (al secondo successo in campionato). Si parte con le infelici conclusioni di Lasagna e Pussetto. L'Empoli si vede col tentativo di Zajc. L'Udinese riparte con De Paul, che vede Provedel togliergli il pallone da sotto l'incrocio, e la traversa di Lasagna. Ancora Provedel fenomenale su De Paul e più tardi sulla sventola di Stryger-Larsen. Quando non ci arriva il portiere ci pensa Silvestre, che si immola su Pussetto a colpo sicuro. La squadra di Iachini passa a sorpresa al 41', con Zajc che raccoglie da pochi metri l'assist di Caputo. Udinese chiaramente sconcertata, che capitola nuovamente dopo l'intervallo. E' il 51' quando, su corner, Krunic fa da sponda per il sesto gol in campionato di Caputo. Udinese in bambola per larghi tratti, l'Empoli potrebbe fare il tris. I friulani riaccelerano nell'ultimo quarto d'ora. Al 78' De Paul manda alto il rigore provocato dal fallo di Maietta su Lasagna. All'81' non sbaglia Pussetto con un destro al volo su cross di Machin. Ultimi minuti di grande tensione. L'Empoli potrebbe chiudere il conto in contropiede, ma deve ancora una volta ringraziare Provedel che salva alla disperata su D'Alessandro.
Condividi