Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/calcio-Serie-A-Roma-tre-lampi-con-vista-Champions-Manolas-e-De-Rossi-e-Pellegrini-affondano-il-Torino-2f25f668-7554-4a06-a044-534278acb1eb.html | rainews/live/ | (none)
SPORT

Anticipo della ventottesima giornata

Serie A. Roma, tre lampi con vista Champions: Manolas, De Rossi e Pellegrini affondano il Torino

Giallorossi con la testa allo Shakhtar, primo tempo da dimenticare. Nella ripresa sono sufficienti poche accelerazioni per mandare alle corde i granata, scomparsi dal campo

Condividi
Alla Roma, con la testa allo Shakhtar, bastano poche accelerazioni per avere ragione di un Torino passivo e a tratti fiacco. I giallorossi vincono 3-0 e possono pensare serenamente a provare martedì il ribaltone in Champions, sapendo che conserveranno il terzo posto anche dopo le partite di domenica (al netto dei futuri recuperi). Sull'altro fronte, se Mazzarri aveva chiesto una reazione importante ai suoi, ha avuto una ben magra risposta. Terza sconfitta di fila e grinta da ritrovare.

Di Francesco non ha gli squalificati Fazio e Dzeko. Schick sostituisce il bosniaco, con Under ed El Shaarawy (non Perotti). Juan Jesus al posto dell'argentino. Terzini sempre Florenzi e Kolarov. Per Mazzarri indisponibili Ljajic e Obi. Nel tridente del 4-3-3 Iago Falque, Belotti e Berenguer (Niang parte in panchina). Ritomo blando a dir poco. La Roma non forza, il Torino asseconda. Schick non è assistito, i suoi movimenti non sono comunque quelli di Dzeko e la squadra sconta troppo l'assenza di Dzeko. Passano i minuti e i granata cominciano a farsi pericolosi. Alisson è eccellente su Iago Falque (colpo a giro) e puntuale sulla botta di Acquah (dopo una palla malamente persa a centrocampo).

La ripresa comincia senza cambi e senza frenesia. Serve un sussulto che 'stappi' la gara. Il sussulto arriva al 56'. Su azione d'angolo giallorossa la palla esce dall'area inseguita da Florenzi. Bel cross dell'esterno, non contrastato, che trova il solitario Manolas, pregevole elevazione e colpo di testa vincente. Situazione tattica ora decisamente favorevole alla Roma, che non ha più necessità di pressare. Il Torino comincia anche a sfilacciarsi e ad aprire varchi. Mazzarri si gioca la carta Niang (per Iago Falque). Giallorossi ancora pericolosi: Kolarov apre per Nainggolan che serve il rimorchio di Florenzi al limite, tiro alto. Al 73' gara in ghiaccio: punizione ribattuta, riprende Nainggolan che scodella al centro dove De Rossi, liberissimo, interviene in scivolata e raddoppia (primo gol stagionale per lui). Il centrocampista è tenuto in gioco da un incredibile errore di posizionamento della linea granata. Di Francesco può così serenamente ruotare gli effettivi in vista della Champions: quarto d'ora risparmiato a Under, dentro Gerson. Poi Pellegrini per De Rossi. Infine Gonalons per Strootman. A ravvivare la partita c'è un rapido contropiede in pieno recupero (93') con Nainggolan che serve il comodo diagonale vincente di Pellegrini. 
Condividi