Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/calcio-supercoppa-italiana-Juventus-Milan-186b3c4b-0e64-4b52-b7f3-3974d6934d01.html | rainews/live/ | (none)
SPORT

Finale a Doha, in Qatar

Al Milan la Supercoppa, Juventus battuta ai rigori 5-4 dopo l'1-1 del campo

Bianconeri in vantaggio con Chiellini, pari di Bonaventura. Nel secondo tempo, traversa rossonera di Romagnoli. Ai rigori, Donnarumma neutralizza la conclusione di Dybala prima del tiro decisivo di Pasalic. Per il Milan è il trofeo numero 7

Condividi
di Nicola Iannello Un passaggio di testimone tra portieri: Gigio Donnarumma, 17 anni, vola a respingere il rigore di Dybala, Gigi Buffon, 38 anni, non arriva su quello decisivo di Pasalic. La Supercoppa Italiana passa dalle mani del portiere della Juventus, che l’aveva alzata l’anno scorso, a quelle del Milan e suo probabile successore in azzurro. La finale dello Stadio ‘Jassim bin Haman’ di Doha, in Qatar, finisce 5-4 per i rossoneri ai calci di rigore, dopo che i tempi regolamentari e i supplementari erano terminati 1-1.



Il Milan raggiunge così la Juve a quota sette vittorie del trofeo (per i rossoneri dieci finali, dodici per i campioni d’Italia). Va in archivio la finale tra i vincitori dello scudetto e della Coppa Italia e la squadra battuta nella finale del trofeo nazionale (gol di Morata ai supplementari). La Juventus che domina in campionato dimostra di soffrire il Milan, che a San Siro si era imposto 1-0.
 
Allegri con la difesa a quattro davanti a Buffon: Lichtsteiner, Rugani, Chiellini e Alex Sandro; i centrocampisti sono Khedira, Marchisio e Sturaro; Pjanic rifinitore dietro le punte Higuain e Mandzukic. Risponde Montella con il 4-3-3, con Donnarumma tra i pali; Abate, Paletta, Romagnoli e De Sciglio linea difensiva; Kucka, Locatelli, Bertolacci a centrocampo; Bonaventura, Bacca, Suso il trio degli attaccanti. Arbitra Damato di Barletta davanti a 13mila spettatori.
 
Buon avvio della Juve. Bertolacci e Kucka aspettano Marchisio, Locatelli fronteggia Pjanic. Primo tiro in porta di Sturaro, troppo debole per impensierire Donnarumma. Sempre dalla sinistra ci prova anche Mandzukic, il portiere rossonero mette in angolo. Centrale invece il tiro di Alex Sandro sugli sviluppi di un corner. Una punizione di Pjanic viene alzata in angolo dalla barriera. La palla gol vera arriva sui piedi di Sturaro, Donnarumma è obbligato a concedere angolo. Dalla bandierina il gol: Pjanic in mezzo, Chiellini a centro area anticipa tutti e di stinco la mette in porta (18’). Allegri perde Alex Sandro al 33’, dentro Evra. Primo intervento di Buffon su colpo di testa debole di Kucka. È il preludio al pareggio. Una palla tagliatissima di Suso da destra invita Bonaventura all’anticipo di testa, il pallone si insacca sul secondo palo (38’).
 
Nella ripresa, si vede Higuain, con un diagonale da posizione molto decentrata, palla lontana dal secondo palo. Ma è il Milan a prendere l’iniziativa. Un tiro di Suso viene respinto da Chiellini. L’azione successiva porta a un colpo di testa di Romagnoli che scuote la traversa a Buffon immobile. Replica bianconera con una conclusione di Khedira, vola Donnarumma. Trema Buffon su un traversone di Kucka, né lui né Bacca ci arrivano, palla sul fondo. Ancora Khedira per la Juve, con un’azione prolungata, ma il suo tiro dal limite è centrale. Al 67’ Allegri gioca la carta Dybala al posto di Pjanic, passando all’attacco a tre punte. Nascono un paio di situazioni pericolose in area rossonera, sbrogliano prima Paletta poi Abate. Montella cambia Locatelli con Pasalic (74’), per far scalare Bertolacci in marcatura su Dybala. Il gioiello argentino ci prova con un sinistro basso che termina fuori di poco. Problemi per Sturaro, Allegri esaurisce i cambi con Lemina (79’). Seconda conclusione di Dybala da fuori area, Donnarumma blocca in due tempi. Fiammata Milan: Suso pennella da sinistra, Bacca schiaccia di testa, Buffon ci mette la manona.
 
In apertura di supplementari, clamorosa occasione per il Milan, sprecata da Bacca che non trova il tempo per ribattere in rete una respinta di Buffon su bomba di Bonaventura. Montella si decide a utilizzare i cambi rimanenti e inserisce Antonelli per l’esausto Abate e Lapadula per un poco lucido Bacca (102’). Nel secondo tempo supplementare si fa vedere Higuain da posizione decentrata, Donnarumma respinge. Sul ribaltamento di fronte, va al tiro Pasalic ma senza centrare il bersaglio. Damato annulla poi un gol di Evra per netto fuorigioco. Dybala si divora il gol mettendo alto di sinistro da 7-8 metri un suggerimento basso di Evra. È poi Donnarumma a uscire a valanga sull’argentino. Prima dei rigori, proteste bianconere per un tocco di mano di De Sciglio giudicato non falloso da Damato.
 
Ai rigori segna Marchisio, Buffon respinge quello di Lapadula; Mandzukic traversa, Bonaventura riporta in parità il Milan; Higuain segna, Kucka pure; Khedira spiazza Donnarumma, Suso centrale ma con Buffon a terra; Donnarumma vola sul tiro di Dybala, Pasalic chiude i conti. Festa rossonera a Doha.
Condividi