Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/cannabis-rita-bernardini-caserma-carabinieri-89dd22ed-af92-4683-ab69-439ee074f23b.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Coltivazione di marijuana

Cannabis, radicale Rita Bernardini denunciata a piede libero: "Volevo essere arrestata"

Condividi
"A Rita Bernardini è non è stata applicata nessuna misura cautelare ma e' stata denunciata a piede libero. Successivamente ci sara' un processo". Lo rende noto Giuseppe Rossodivita, avvocato dell'esponente dei Radicali, Rita Bernardini, fermata questa mattina per coltivazione di marijuana.  Bernardini è stata trattenuta nella caserma dei carabinieri di via Cassia dalle 8.30 di stamattina fino alle 13.20. All'ex deputata radicale sono state sequestrate 32 piantine di marijuana.
 
"Sono stata denunciata a piede libero per la coltivazione di sostanze stupefacenti, 32 piante tra un metro e un metro e venti. A verbale del sequestro ho fatto allegare una dichiarazione: esprimo tutto il mio disappunto perla decisione della Procura di Roma di non procedere al mio arresto, come accade a tutti i cittadini che vengono sorpresi a coltivare marijuana. Cosi si usano due pesi e due misure e la legge finisce per non essere ugual per tutti". Così la radicale Rita Bernardini uscendo dalla caserma dei carabinieri.



"Forse è la volta buona - racconta lei stessa sul suo profilo Facebook - telefonata dei carabinieri: lei è in casa? No, veramente sono sul treno per andare a Parma (laboratorio spes contra Spem nel carcere), sto fuori 2 giorni... Deve venire qui! Ho fatto appena in tempo a scendere dal treno e ora sono su un taxi verso casa. Cannabis regolamentata! Accesso alle cure!".     Bernardini è stata portata alla caserma dei carabinieri di via Cassia.
 
Condividi