Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/casapound-pronti-a-sostenere-un-governo-salvini-il-leader-leghista-dopo-il-5-pronto-a-incontrare-tutti-0f1338a0-f7d7-4ab3-9a58-759a929f647f.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Elezioni

Casapound: pronti a sostenere Salvini premier. Leader Lega: dopo il 5 incontro tutti

"Se c'è la possibilità di fare un governo sovranista che ci porta fuori dall'euro e fuori dall'Unione Europea e che blocca l'immigrazione che sono i tre punti principali del nostro programma siamo pronti a sostenerlo", dice Di Stefano. Toti: basta giocare a risiko. Bussolati (Pd): Carroccio appoggiato da chi si ispira al fascismo

Condividi
"Dopo il 5 sono pronto a incontrare tutti". Così il leader della Lega Matteo Salvini commenta le parole del leader di Casapound, Simone Di Stefano, che questa mattina ha parlato di "appoggio" ad un eventuale governo Salvini: "Se c'è la possibilità di fare un governo sovranista che ci porta fuori dall'euro e fuori dall'Unione Europea e che blocca l'immigrazione che sono i tre punti principali del nostro programma, siamo pronti a sostenerlo", ha spiegato a 24Mattino su Radio 24 Di Stefano.

"Dovrebbe essere un governo che non ha Tajani premier e Brunetta all'economia, ma sarebbe un governo che dovrebbe avere un Salvini premier e un Bagnai all'economia", ha continuato il leader di Casapound che ha poi spiegato: "Noi siamo pronti a sostenere esternamente, ovviamente la fiducia è una delle prassi per far nascere il governo, però, poi sarebbe un appoggio esterno. Non vogliamo ministeri, non vogliamo sottosegretariati". 

Di Stefano dice poi no al decreto Meloni sulla chiusura dei centri sociali: "Non tutti i centri sociali sono dei covi di violenza - afferma - ce ne sono alcuni che operano in un'altra maniera e che fanno iniziative a volte anche interessanti. Poi ce ne sono tantissimi che sono un covo di sciamannati che passano il tempo a predicare la violenza politica".

Bussolati (Pd) : Lega appoggiata a chi si ispira al fascismo
"Gli estremisti di Lealtà e Azione, in Lombardia, appoggiano il candidato della Lega Fontana e questa mattina è arrivato perfino l'endorsement del leader di Casapound, Roberto Di Stefano, ad un ipotetico governo con Salvini premier. Non stupisce perché al comizio della Lega in piazza Duomo ci fosse un gruppetto di ragazzi a sventolare la bandiera del Kekistan, usata dai gruppi neonazisti e suprematisti negli Stati Uniti". Così in una nota il candidato capolista del Pd alle elezioni regionali in Lombardia, Pietro Bussolati. "Dove sta la Lega è ormai sempre più chiaro: a destra, con chi dichiaratamente si ispira al fascismo", ha aggiunto

Casini: CasaPound con Salvini? Rischio horror post voto 
"Che il leader di CasaPound si dichiari disponibile a sostenere un eventuale governo Salvini è la logica conclusione di una vicenda horror che rischia di materializzarsi all'indomani del voto. Altro che centrodestra, siamo alla riproposizione lepenista in salsa italiana". Lo scrive sul suo profilo Facebook Pier Ferdinando Casini.

Toti: governo sovranista? Basta giocare a risiko
"Mi sembra che questa fine di campagna elettorale sia una partita a Risiko. Qualcuno ha occupato la Kamchatka?". Così il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, questa mattina a Genova a margine di una conferenza stampa sull'emergenza freddo, commenta la disponibilità annunciata da Casapound all'appoggio a un eventuale governo sovranista con Matteo Salvini premier. "Lasciamo che gli italiani vadano a votare- prosegue il governatore- lasciamoli votare con serenità visto che è cinque anni che non lo fanno e hanno subito molti governi non scelti da loro". Per Toti, infatti, saranno i cittadini "con il loro voto a decidere chi avrà la maggioranza per governare questo Paese e, all'interno delle coalizioni, chi avrà il maggior numero di parlamentari per sostenere legittime ambizioni di premiership. Tutto il resto, più che politica reale, è un singolare e divertente passatempo".
Condividi