Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/caso-epstein-legale-famiglie-vittime-il-principe-andrea-si-presenti-a-autorita-usa-bd9e43d8-9aa3-4c4b-b009-cd5fba017df7.html | rainews/live/ | true
MONDO

Bloom: "Ha sicuramente informazioni significative"

Caso Epstein. Legale famiglie vittime: "Il principe Andrea si presenti ad autorità Usa"

"Tutti coloro che lavorano con lui - ha detto alla Bbc l'avvocato che rappresenta cinque famiglie - dovrebbero fornire informazioni e la  documentazione di cui dispongono: email, messaggi telefonici agende". "Nessuno - ha aggiunto - è al di sopra della legge"

Condividi
Le famiglie delle vittime di Jeffrey Epstein hanno invitato il principe Andrea a presentarsi e collaborare con le autorità americane che indagano sul caso del miliardario condannato per abusi sessuali e suicida in una cella. "Tutti coloro che lavorano con il principe - ha detto alla Bbc Lisa Bloom, legale di cinque famiglie - dovrebbero fornire informazioni e la  documentazione di cui dispongono: email, messaggi telefonici agende". "Nessuno - ha aggiunto Bloom - è al di sopra della legge, e, se hanno informazioni significative, devono rispondere a delle domande. Lui (il principe Andrea) ha sicuramente informazioni significative".

Ieri l'annuncio del 'ritiro' dalla vita pubblica
Ieri il Duca di York aveva annunciato il proprio "ritiro" dalla vita pubblica.  La decisione di Andrea è arrivata dopo una disastrosa intervista alla Bbc, trasmessa nel fine settimana, in cui aveva dato spiegazioni sconclusionate delle sue azioni e mostrato mancanza di compassione per le vittime dell'amico miliardario. Con la giornalista Emily Maitlis, il principe ha ammesso di aver messo in "imbarazzo" la famiglia reale con la sua frequentazione, ma ha dichiarato di non ricordare di aver mai incontrato Virginia Giuffre, la donna che sostenuto di essere stata obbligata, quando ancora era minorenne, ad avere rapporti sessuali con Andrea tra il 1999 e il 2002 a Londra, New York e su un'isola privata caraibica di proprietà del 66enne miliardario.

Una posizione, quella del duca di York, in contrasto con la presenza di una foto che lo ritrae insieme alla donna, quando era ancora molto giovane. Alla rovinosa intervista sono seguite diverse tegole: una nuova accusatrice del finanziere-pedofilo ha chiesto al duca di York di parlare, numerosi sponsor illustri hanno preso le distanze dalle realtà filantropiche da lui promosse, mentre sono usciti particolari imbarazzanti di suoi commenti razzisti anche in situazioni ufficiali.

La posizione di Andrea era ormai diventata insostenibile, ha spiegato l'ex addetto stampa di Buckingham Palace, Dickie Arbiter, l'unica sorpresa è perché ci sia voluto tanto a farlo uscire di scena. A ogni modo, Andrea non potrà completamente sparire: non solo gli avvocati di alcune famiglie delle vittime vogliono parlare con lui, ma anche l'Fbi e sotto giuramento.
Condividi