Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/caso-orlandi-gregori-speranza-parenti-emanuela-mirella-b964fec7-03bf-4dd2-8cea-33f3bb43c56f.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

Roma

Caso Orlandi-Gregori, la speranza dei parenti di Emanuela e Mirella

Parlano i fratelli di Emanuela Orlandi e la sorella di Mirella Gregori

Emanuela Orlandi e Mirella Gregori (Ansa)
Condividi
"Ho pensato subito a Gildo Claps quando è stato ritrovato il corpo di Elisa. Si disse che il corpo di Elisa poteva "parlare".

A "Chi l'ha visto? 11.30" parla Natalina Orlandi, sorella maggiore di Emanuela, dopo la notizia del ritrovamento di frammenti di ossa in un locale annesso alla Nunziatura Apostolica in Via Po a Roma.

"Io ora ci spererei che ci fosse qualcosa che riguarda Emanuela e Mirella, così Emanuela finalmente potrebbe "parlare", dirci che cosa è successo, come è morta. Sappiamo solo che è stata portata via, non ci sono elementi che possano dirci altre cose. È stata portata via da chi? In questi 35 anni sono tanti che hanno sfruttato la parola Vaticano dietro Emanuela. Ci hanno fatto credere di tutto e non smettono di farcelo credere. Noi sappiamo solo che qualcuno l'ha presa. Il resto potrebbe dircelo il corpo. Dunque, per assurdo, spero proprio che si tratti di loro, Mirella ed Emanuela". "Non siamo stati avvertiti da nessuno. Lo abbiamo saputo, come al solito, dai giornalisti e da voi di Chi l'ha visto?". Il Vaticano è un territorio piccolissimo, ci conosciamo tutti. Mi sarei aspettata una telefonata. Ma non erano tenuti in mancanza di notizie certe".

Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, ha incontrato i pm. Per lui parla l'avvocato Laura Sgrò, che dice: "C'è una attività istruttoria in corso e contiamo di avere notizie più dettagliate nei prossimi giorni". L'avvocato Sgrò ha accompagnato questa mattina Pietro Orlandi in Procura dopo l'apertura di un fascicolo.

La sorella di Mirella, Maria Antonietta Gregori, all'Ansa ha affermato: "Non voglio illudermi, voglio restare con i piedi per terra ma in cuor mio spero che quelle ossa siano di Mirella così si potrebbe mettere una parola fine a questa vicenda e io avrei un luogo dove andare a piangere e portare un fiore a mia sorella". 

Mirella Gregori era scomparsa a maggio del 1983. La Gregori era coetanea di Emanuela, figlia dei titolari di un bar di via Volturno, e faceva la studentessa. Mirella non conosceva Emanuela, né le due ragazze avevano frequentazioni in comune. Anche questo caso resta avvolto nel mistero.

Fratello Claps: ritrovamento ossa fine angoscia, ma anche di speranza
"Difficile  spiegare cosa abbiamo provato  il giorno in cui ricevetti la chiamata che dei resti umani erano stati ritrovati nella Chiesa della Trinità".

Lo dice a LaPresse Gildo Claps, fratello di Elisa, la ragazza di Potenza ritrovata nel 2010 dopo 16 anni dalla scomparsa. La storia di Elisa, dopo il ritrovamento delle ossa nella Nunziatura Apostolica di via Po, sembra essere molto vicina a quella di Emanuela Orlandi. Oggi la stessa sorella di Emanuela, Natalina fa sue le parole di Gildo, 'ora spero che le ossa parlino'.

"Da un lato c’è la speranza che finisca un incubo durato decenni e che la nebbia che avvolge ogni scomparsa finalmente si diradi - confessa Claps che si è sentito con la famiglia Orlandi - Dall’altro l’angoscia che quel ritrovamento segni la fine di quella fiammella che a dispetto di ogni evidenza ti fa ancora credere che la persona cara sia ancora in vita".
Condividi