Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/ciclismo-Giro-Italia-Yates-Dumoulin-Pozzovivo-Aru-dc4bfe00-8ac6-4cd3-b82e-71682d2f9faf.html | rainews/live/ | (none)
SPORT

Giro d'Italia, undicesima tappa

Yates concede il bis a Osimo Solo Dumoulin si oppone alla maglia rosa

Scatto secco del leader della classifica sulla salita finale con pavé. Inflitti altri secondi di distacco agli inseguitori. Resiste solo l'olandese, vincitore 2017. Bene Pozzovivo, quinto. Aru prende altri 21"

Condividi
di Nicola Iannello Ancora uno show della maglia rosa. Simon Yates concede il bis dopo la vittoria sul Gran Sasso. Il britannico sorprende tutti nel finale della undicesima tappa e arriva da solo sul traguardo di Osimo, caratterizzato da alcuni strappi molto secchi sul pavé. A 2” il vincitore 2017, l’olandese Tom Dumoulin, che ha provato a resistere all’allungo di Yates, piazzato poco prima dell’ultimo chilometro. Terzo un ottimo Davide Formolo a 5”, quinto Domenico Pozzovivo a 8” con Thibaut Pinot, decimo Aru a 21”. In classifica generale, la maglia rosa allunga anche in virtù dell’abbuono per il vincitore di tappa: ora guida con 53” su Dumoulin, 1’04” su Pinot e 1’18” su Pozzovivo. Decimo Fabio Aru a 3’10”.
 
Arrivo a sorpresa della frazione partita da Assisi per 156 km, caratterizzata da tre gran premi della montagna, i primi due di terza categoria (Passo Cornello, 814 metri, e Valico di Pietra, 674), e il traguardo di Osimo di quarta categoria con i suoi 265 metri. Animano la tappa cinque fuggitivi, evasi in diverse occasioni: al km 31 danno fuoco alle polveri Luis Leon Sanchez e Alessandro De Marchi; si aggiungono poi Fausto Masnada e Mirco Maestri, l’ultimo ad aggregarsi è Alex Turrin. I cinque fuggiaschi raggiungono un vantaggio massimo 4’25”. Maestri e Turrin perdono terreno sull’asperità di Filottrano, passaggio in onore di Michele Scarponi, morto in allenamento sulle strade di casa il 22 aprile dell’anno scorso. Quando mancano 5 km la fuga si esaurisce. Su uno strappo secco parte in contropiede il ceco Zdenek Stybar inseguito Tim Wellens. Il belga ci prova da solo quando manca un chilometro e mezzo, ma viene superato dalla maglia rosa che passa da solo sotto lo striscione dell’ultimo chilometro, inseguito da Tom Dumoulin, fino all’arrivo sotto lo striscione.
 
Ora la dodicesima tappa, da Osimo a Imola per 214 km.
Condividi