Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/civitavecchia-coltellate-madre-omicidio-polizia-86862b1e-d1be-4b6a-ac34-33ed7ee71c49.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Un litigio si trasforma in tragedia

Civitavecchia: 30enne uccide la madre a coltellate

E' stato condotto in carcere un 30enne di Civitavecchia che ieri sera ha ucciso la madre con un grosso coltello da cucina. La polizia giunta sul luogo del delitto si è trovata di fronte a una scena agghiacciante

Condividi
Un omicidio, frutto probabilmente di un raptus omicida, si è verificato ieri sera a Civitavecchia, in provincia di Roma. Un 30enne con problemi psichiatrici, V.M. le sue iniziali, al termine di una lite in casa ha ucciso la madre 55enne colpendola con numerose coltellate. Poi ha chiamato la polizia. Alle 19.35 di ieri, al 113 è giunta la chiamata del 30enne che ha riferito all'operatore di turno di aver ucciso una persona. La sala operativa ha rintracciato immediatamente il luogo di origine della chiamata e ha inviato sul posto il personale della squadra di polizia giudiziaria del commissariato di Civitavecchia diretto da Paolo Guiso.

La scena del delitto
V.M. subito dopo aver accoltellato la madre si è cambiato i vestiti sporchi di sangue ed è andato a fumare nel giardino antistante l'abitazione, una villetta bifamiliare in zona periferica della cittadina portuale, dove ha atteso tranquillamente l'arrivo della polizia. Con calma innaturale e senza opporre alcuna resistenza, l'uomo ha invitato gli agenti a guardare cosa c'era in casa. Quando la polizia è entrata nella taverna al piano seminterrato della villetta, ha trovato il corpo della madre riverso al suolo in un lago di sangue, con evidenti ferite inflitte da numerosi colpi di arma da taglio. Vicino al corpo della donne c'era un coltello da cucina di grosse dimensioni. Il Pubblico Ministero di turno presso la Procura della Repubblica di Civitavecchia, Delio Spagnolo, ha assunto la direzione delle indagini, ha disposto il sequestro dell’abitazione e del coltello e ha effettuato il primo interrogatorio dell’arrestato. Al termine l’omicida è stato trasferito nel carcere 'G. Passerini' di Civitavecchia a disposizione dell’autorità giudiziaria.

 
Condividi