Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/colorfood-dan-lev-expo-2015-chef-heinz-beck-7f034875-dc1e-4d2f-a135-d98233ece560.html | rainews/live/ | true
FOOD

Food Porn

Colorfood @ Expo 2015, gli scatti di Dan Lev con gli chef italiani stellati

Dopo aver immortalato le creazioni degli chef israeliani, il fotografo racconta con i suoi scatti l'ispirazione degli stellati in Italia, da Heinz Beck a Cristina Bowerman. La mostra Colorfood, tra arte e cibo, sarà esposta nel padiglione israeliano di Expo 2015

Heinz Beck per Colorfood (foto di Daniele Amato)
Condividi
di Paola Cutini Gli scatti di 'Colorfood' arrivano in Italia. Il fotografo Dan Lev, dopo aver immortalato le creazioni degli chef israeliani, cattura con la sua macchina l'ispirazione degli stellati italiani. La mostra di 'food porn' d'autore (cibo in cui è enfatizzato l'aspetto visivo) è un percorso ancora in corso che racconta, per mezzo del cibo e dei suoi colori, la creatività che si sprigiona dai grandi chef. 

Gli scatti a Roma
Il set fotografico d'eccezione è stato allestito nel resort Colonna di Labico (Roma) dove gli chef stellati d'Italia si sono alternati sotto il suo obiettivo. L'artista israeliano propone il colore, come fonte d’ispirazione, tramite di desideri, emozioni, fantasie e memorie. Colorfood, frutto di un anno di lavoro, permette di capire il mondo creativo degli chef, perché affianca le loro preparazioni alle immagini da cui è scaturita l'ispirazione.

Il rosso di Apreda, Dell'Oglio e Colonna
Francesco Apreda, Bonetta dell’Oglio e Antonello Colonna scelgono il rosso: la chef lo alterna al verde che rappresenta il sentire alternato dell'anima, mentre Apreda racconta il 'suo' Vesuvio e Colonna conferma la sua ossessione per il colore con l'opera “Liberi tutti”.
 
I contrasti di Taglienti e l'arte provocatoria di Bowerman
Luigi Taglienti propone invece il bianco e nero, l'equilibrio nei massimi contrasti, gli estremi del colore che assieme creano un'armonia che rievoca eleganza, personalità e minimalismo estetico. Cristina Bowerman sceglie di giocare con il color carne, il colore della pelle, ispirandosi a L.O.V.E. (acronimo di libertà, odio, vendetta, eternità), scultura monumentale di Cattelan che dal 2010 campeggia, tra le polemiche, in Piazza degli Affari a Milano. 

La natura 'rosa' che vive di Beck
Heinz Beck, invece, sceglie la foto dell'iceberg "vivente" rosa (fotografato da Inka e Niclas) per rendere gli elementi della natura che possono esser trasformati in "sapori" ed "emozioni". Perché come ama ripetere il tristellato "Le emozioni non mentono mai". 
 
Condividi