Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/cometa-natale-46pwirtanen-e9f749e7-8f09-4179-a5ea-af535ee5f71a.html | rainews/live/ | (none)
SCIENZA

Spettacolo nel cielo

Ecco la cometa di Natale: "Già visibile a occhio nudo"

La cometa 46P/Wirtanen è sempre più vicina alla Terra. La luminosità aumenterà fino a metà dicembre, quando sarà osservabile semplicemente allontanandosi dalle luci delle città. L'astronomo Albino Carbognani: "Si potrà vedere senza binocoli o telescopi fino all'inizio di gennaio"

L'orbita della cometa 46P/Wirtanen
Condividi
di Andrea BettiniRoma

È la cometa più spettacolare degli ultimi anni. Chi vive in zone molto buie e ha un’ottima vista riesce già a scorgerla a occhio nudo, ma presto si mostrerà a tutti. E poiché sarà visibile nel cielo anche nel periodo natalizio, la 46P/Wirtanen è già stata ribattezzata “Cometa di Natale 2018”.
 
“Visibile a chiunque”
“Sta mantenendo le promesse – dice Albino Carbognani, ricercatore dell’Osservatorio Astronomico regionale della Valle d’Aosta – Ha appena superato il limite della visibilità ad occhio nudo ma dall’Italia è ancora bassa sull’orizzonte, nella costellazione della Fornace. Con il passare dei giorni sarà sempre più alta nel cielo e sempre più appariscente. Presto la sua luminosità aumenterà fino a renderla ben visibile a chiunque, semplicemente allontanandosi dalle luci delle città”.
 
Dove guardare
La cometa 46P/Wirtanen è relativamente piccola – il suo diametro è di circa 1,2 km – ma si avvicinerà moltissimo al nostro pianeta. Il 16 dicembre si troverà a soli 11,5 milioni di chilometri di distanza, davvero poco in termini astronomici. In quei giorni darà il meglio di sé, vicino alle Pleiadi, sorgendo verso est nella prima parte della serata e restando nel cielo per tutta la notte. Secondo le stime, rimarrà visibile a occhio nudo fino all’inizio di gennaio, arricchendo il cielo di Natale e probabilmente anche dell’Epifania.

Cometa senza coda
Curiosamente, non ci mostrerà la sua coda. “Per una casualità dovuta all’allineamento con la Terra, la coda sarà nascosta dalla chioma della cometa, soprattutto quando sarà più vicina a noi – spiega Albino Carbognani – Vedremo quindi una specie di nebulosa, una stella sfocata. Non capita spesso che una cometa sia così visibile: nel 2012 avevamo sperato nella ISON, che però si è disintegrata passando vicino al Sole”.

Condividi