Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/coronavirus-cambia-ancora-modulo-autocertificazione-7e8f7cfc-69b9-4f4d-b22a-7a6ceec40c8c.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

#iorestoacasa

Coronavirus, cambia ancora modulo autocertificazione

Circolare Gabrielli a prefetti dopo nuovo decreto

Condividi
Cambia di nuovo il modulo per l'autocertificazione dei cittadini che intendono fare spostamenti. Lo prevede una circolare inviata ai prefetti dal capo della Polizia, Franco Gabrielli, alla luce del nuovo decreto del presidente del Consiglio pubblicato oggi in Gazzetta Ufficiale e contenente ulteriori misure contro la diffusione del Coronavirus.

Dal sito della Polizia di Stato si legge: "Il Dpcm 22 marzo 2020, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale - Serie Generale n. 76 del 22 marzo, ha rimodulato le indicazioni relative al sistema di misure per il contenimento dell'emergenza epidemiologica da Covid-19. Sono state riviste in modo restrittivo le  circostanze che legittimano gli spostamenti al di fuori della propria abitazione. Ciò ha comportato un aggiornamento del modello di autodichiarazione da compilare per motivare lo spostamento stesso".

Nel post viene spiegato che "ci si può quindi muovere soltanto per i seguenti motivi: comprovate esigenze lavorative, esigenze di assoluta urgenza e motivi di salute".

Il nuovo decreto del presidente del Consiglio, dunque, "abolisce la previsione, contenuta, nell'art. 1, comma 1, lett. a) del Dpcm 8 marzo 2020, che assicurava il rientro tout court nel luogo di domicilio, abitazione o residenza. Tale rientro è consentito solo nel caso in cui lo spostamento all'esterno è connesso ai motivi sopra elencati. Ad esempio, rientra negli spostamenti per comprovate esigenze lavorative, il tragitto (anche pendolare) effettuato dal lavoratore dal proprio luogo di residenza, dimora e abitazione al luogo di lavoro. Rientrano nelle esigenze di assoluta urgenza, anche i casi in cui l'interessato si rechi presso grandi infrastrutture del sistema dei trasporti (aeroporti, porti e stazione ferroviari) per trasferire propri congiunti alla propria abitazione", si conclude l'articolo sul sito della Ps.
Condividi