Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/coronavirus-sette-navi-da-crociera-con-5-mila-persone-a-bordo-4c65e247-bd4d-4d9a-a77c-98741dba414e.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Emergenza coronavirus

Navi da crociera, ancora 5000 persone a bordo da gestire

​Sono 7 le navi da crociera ferme nei porti italiani con migliaia di persone a bordo, tra membri dell'equipaggio e passeggeri che attendono lo sbarco

Condividi
Casi di non facile gestione, come quello della Costa Diadema, partita il 14 marzo da Dubai e giunta da poco a Piombino, in Toscana, dopo essere stata respinta da diversi porti.

Ancora non completamente risolta la situazione della Costa Pacifica, che prima ha sbarcato 1400 passeggeri a Genova, poi altri 900 a Civitavecchia per poi approdare a La Spezia con 900 membri d'equipaggio che per ora rimangono a bordo.

"I porti liguri sono piuttosto saturi, non certo per il posto in banchina, ma per l'eventuale gestione di casi di positività al coronavirus a terra, se ci saranno altre necessità, sarà il tavolo dell'emergenza nazionale a decidere come muoversi e valuteremo con attenzione le richieste che ci verranno fatte", afferma l'assessore regionale alla Protezione civile, Giacomo Giampedrone.  

In Liguria al momento risultano quattro navi ‘sorvegliate speciali’, due Costa Crociere e due Msc, con situazioni diverse a bordo, mentre invece Costa Luminosa, attraccata a Savona, ha concluso lo sbarco di 49 membri dell'equipaggio positivi, trasferiti con percorsi protetti in una località alle porte di Firenze. Restano a bordo 120 persone, tutte negative, per seguire le operazioni di sanificazione della nave.

A La Spezia, infine, c’è la Costa Pacifica che non ha avuto problemi, con 900 persone a bordo. Diverso il caso per la Msc Opera, con 166 persone a bordo: uno dei marittimi, le cui condizioni si erano aggravate, era stato trasferito all'ospedale Galliera, dove purtroppo è deceduto.

L'altra nave Msc attraccata a Genova, la Splendida, "al momento è una nave pulita - spiega l’assessore - Ci sono solo degli isolati precauzionali”. A bordo si contano 1166 persone, tra cui un cospicuo numero di filippini, ma resta il problema di circa 330 indiani, perché l'India non permette il rientro di casi negativi né di positivi.

A Civitavecchia vi sono poi la Msc Grandiosa e la Costa Victoria. La prima deve sbarcare 400 passeggeri per cui si pensa a un cordone sanitario, ma deve gestire anche 12 casi sospetti a bordo. La Victoria ha a bordo circa 700 persone di cui finora sono state sbarcate solo poche decine.

Costa Diadema, attraccata a Piombino, ha a bordo solo membri di equipaggio, 1250, di cui una ventina con sintomi associati al coronavirus. Gli altri saranno sbarcati, a parte 170 persone che rimarranno a bordo per garantire il funzionamento della nave.
 
Condividi