Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/coronavirus-uilpa-lancia-allarme-in-carceri-contagi-piu-che-quadruplicati-in-22-giorni-85b96376-f61e-4e52-813c-ae3e28199fab.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

"Indispensabile svolta in gestione emergenza sanitaria"

Coronavirus. Uilpa: "In carceri contagi più che quadruplicati in 22 giorni"

"Dal bollettino del Garante nazionale dei diritti delle persone detenute apprendiamo che sarebbero ben oltre 150 i detenuti attualmente positivi nei vari istituti" spiega il segretario Gennarino De Fazio. E aggiunge: "Non conosciamo, peraltro, il numero dei contagiati fra gli operatori, ma stimiamo che potrebbero essere almeno 300"

Condividi
"Mentre nel Paese la curva dei nuovi affetti da Covid-19 pare, fortunatamente, scemare con una certa costanza, nelle carceri i contagi sembrano salire vertiginosamente. Mentre il Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria continua a non rispondere a nostre richieste d'informazione, facendo sospettare che non abbia interesse alla trasparenza dei dati, dal bollettino di ieri del Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale apprendiamo che sarebbero ben oltre 150 i detenuti attualmente positivi nei vari istituti penitenziari, senza sapere peraltro quanti di loro siano stati sottoposti a tampone; se si considera che erano 37 i positivi alla data del 6 aprile, la crescita sembra vertiginosa". Lo afferma Gennarino De Fazio, per la Uilpa Polizia Penitenziaria nazionale.

E aggiunge: "Mentre l'attenzione mediatica viene catalizzata dalle scarcerazioni di detenuti al 41-bis, rischia di passare inosservato il preoccupante trend di crescita dei contagi in carcere, pure a dispetto della diminuzione dei ristretti,  passati da 56.476 del 6 aprile a 54.168 registrati alla data di ieri; insomma: 2.308 detenuti in meno, ma ben oltre 113 positivi in più. Non conosciamo, peraltro, con precisione il numero dei contagiati fra gli operatori, attesa la reiterata reticenza del Dap, ma stimiamo che potrebbero essere almeno 300 quelli attualmente positivi. Per questo continuiamo a pensare che sia indispensabile una svolta nella gestione dell'emergenza sanitaria, così come una radicale rifondazione del sistema penitenziario". 
Condividi