Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/corte-giustizia-ue-ebook-non-libri-ma-software-ed1b1092-0354-4f67-b379-264ac6167d9d.html | rainews/live/ | (none)
TECH

Negata la riduzione dell'aliquota Iva in Francia e Lussemburgo

La Corte di Giustizia Ue: sugli ebook tasse da software

Con una decisione più che attesa, la Corte ha stabilito che non può essere applicata ai libri elettronici la stessa Iva che incide sui libri di carta. E ora si teme una procedura di infrazione anche contro l'Italia, che dal 1° gennaio applica agli ebook l'Iva del 4%. Editori, scrittori e librai scrivono a Bruxelles: cambiate la legge

Condividi
di Celia GuimaraesBruxelles La Francia e il Lussemburgo non possono applicare un'aliquota Iva ridotta ai libri elettronici, contrariamente a quanto vale per i libri su carta, ha stabilito la Corte di giustizia Ue.

La Corte ha rilevato che una minore aliquota Iva può essere applicata unicamente alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi, pertanto la riduzione "è applicabile all'operazione consistente nel fornire un libro che si trovi su un supporto fisico".
Dato che il libro elettronico necessita, per poter essere letto, di un supporto fisico, "un simile supporto non è tuttavia fornito con il libro elettronico", sostiene la Corte, quindi gli ebook non sono equiparabili ai libri cartacei ma al software.
 
No anche all'Italia?
In Francia e in Lussemburgo, Paesi destinatari della decisione della Corte, la fornitura di libri elettronici è soggetta ad aliquota Iva rispettivamente del 5,5% e del 3%. Dal 1 gennaio 2015 anche in Italia l'Iva sugli ebook è scesa dal 22% al 4%, in base alla legge di stabilità all'interno della quale è stato accolto e approvato uno specifico emendamento sostenuto dal governo. Una "battaglia
di civiltà e di buon senso", l'aveva definita il ministro di Beni culturali e Turismo Dario Franceschini, pur nella consapevolezza del rischio di incorrere in una procedura di infrazione Ue.
 
Gli editori italiani a Bruxelles: cambiate la legge
La risposta degli editori italiani e delle altre associazioni europee e internazionali alla sentenza della Corte di Giustizia UE è arrivata con una lettera aperta al presidente della Commissione Junker, al presidente del Parlamento europeo Schultz e al presidente del Consiglio europeo Tusk.

Chiedono un intervento “per eliminare la stortura che penalizza lo sviluppo del libro e della lettura nell’intero continente”, perché “fermamente convinti che il valore di un libro non dipenda dal suo formato o dal modo in cui i lettori vi accedano”.

Associazione Italiana Editori (Aie) e le Federazione europee degli editori, degli scrittori e dei librai ricorda alla Commissione che “questa direzione si inserirebbe nel suo programma di lavoro in cui si afferma che ‘le barriere al digitale sono barriere all’occupazione, alla crescita e al progresso’”.
Condividi