Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/crollo-ponte-ex-portiere-cagliari-precipita-ma-si-salva-94aacef2-2d94-4a72-a88b-afb3ece093f9.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

Ha telefonato al padre e gli ha detto: “Babbo sono salvo"

​Crollo ponte: ex portiere del Cagliari precipita ma si salva

Illeso dopo un volo in auto di 80 metri, è uscito dalla vettura tra le macerie ed ha telefonato ai parenti

Condividi
È scampato per miracolo al crollo del ponte Morandi di Genova Davide Capello, 36 anni di Nuoro, ex giocatore Cagliari (due presenze in serie B) ora portiere del Legino, squadra ligure della provincia di Savona, dove vive e dove fa il Vigile del fuoco.

Capello è precipitato con la sua auto da un'altezza di 80 metri ed è rimasto incastrato con l’auto tra le macerie rimanendo fortunatamente illeso tanto che è uscito con le sue gambe dalla vettura.
 
Subito soccorso dal 118, è stato trasportato in un ospedale di Genova. Mentre era incastrato nell'auto, Davide ha chiamato il padre Franco, dirigente della squadra "Puri e forti" di Nuoro dove lo stesso Davide ha mosso i primi passi: "Babbo è precipitato il ponte io stavo passando e sono caduto con l'auto. Non ti preoccupare sono salvo".
 
Franco Capello è ancora agitato mentre riferisce all'Ansa il contenuto della telefonata con suo figlio. "All'inizio non stavo capendo, poi gli ho detto: Davide se riesci a muoverti prova a uscire e così ha fatto. Lo ha aiutato un poliziotto che ha chiamato il 118. Qualche santo lo ha salvato e devo solo ringraziare che sia vivo".
Condividi