Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/dazi-guerra-unione-europea-stati-uniti-trump-82440b86-b619-4742-91f4-0ac44a4ebe6d.html | rainews/media/ | (none)
ECONOMIA

Protezionismo commerciale

Dazi. Incontro Unione Europea-Stati Uniti la prossima settimana

Si vuole scongiurare il rischio che nella disputa tra Usa ed Europa con dazi e contro–dazi in ritorsione sulle importazioni-esportazioni nelle due direzioni, si vada verso lo strangolamento dell'economia. Pubblicata la lista dei prodotti Usa contro i quali scatterebbero misure di ritorsione

Condividi
di Tiziana Di Giovannandrea La guerra dei dazi tra Usa e Ue si arricchisce di un nuovo capitolo. La Commissaria europea per il commercio, Cecilia Malmström, intende incontrare il ministro del commercio statunitense Wilbur Ross per discutere della questione la prossima settimana. L'incontro, con ogni probabilità, avverrà a Washington anche se la data ancora non è certa. La notizia è stata diffusa da fonti dell'Unione Europea a seguito di una telefonata tra i due.

Contro il protezionismo annunciato dal presidente americano Donald Trump la Commissione europea sta preparando gli Stati membri ad una guerra commerciale a tutto campo senza esclusione di colpi anche in considerazione del fatto che dopo acciaio e d alluminio, da parte degli Usa sarebbero allo studio altri prodotti europei da colpire con dazi.  Secondo il rapporto della Commissione europea gli Stati membri sarebbero “troppo ottimisti” sulle possibilità di ottenere un’esenzione dalle tariffe imposte da Trump su acciaio e alluminio. Duro il commento di Pierre Moscovici, commissario agli affari economici della Commissione europea: "Risponderemo con fermezza ai dazi statunitensi" ha chiosato.

Tuttavia, a quanto pare, in queste ore all'Unione Europea sarebbe stata offerta "un'esenzione limitata" dai dazi annunciati dal presidente americano, Donald Trump, su acciaio e alluminio. Lo ha reso noto un alto funzionario europeo. L'esenzione riguarderebbe le importazioni europee fino ai livelli del 2017. Oltre quella soglia gli Usa imporrebbero i dazi annunciati da Trump del 25% e 10%. L'Unione Europea però continua a chiedere un'esenzione totale dai dazi e contesta le ragioni di sicurezza avanzate dagli Usa per giustificare i dazi. "Non negoziamo un'esenzione parziale", ha detto la fonte.

Tornando alla posizione coriacea dell’Europa, già la scorsa settimana una nota diffusa dalla stessa Commissione metteva in guardia gli Stati Uniti, dichiarandosi pronta a reagire in modo proporzionato e pienamente in linea con le regole dell‘Organizzazione mondiale del commercio (Wto) nel caso in cui le misure statunitensi vengano formalizzate e incidano sugli interessi economici dell’Ue”. E' poi intervenuto il rapporto secondo cui gli Stati membri dovrebbero aspettarsi il peggio.

Lista prodotti Usa da colpire con dazi
Mettendo le mani avanti la Commissione Europea, intanto, ha pubblicato la lista dei prodotti Usa contro i quali scatterebbero misure di ritorsione, nel caso in cui Washington dovesse decidere di dare corso ai dazi sulle importazioni di acciaio e di alluminio dall'Ue.

La lista, di 10 pagine, contiene, tra l'altro, i fagioli rossi secchi, alcuni tipi di riso, come il parboiled o la spezzatura di riso, il burro d'arachidi, i mirtilli rossi, il succo d'arancia, il Bourbon Whiskey americano, sigarette, tabacco da masticare e da naso, preparazioni per rossetti, per la manicure e la pedicure, numerosi tipi di jeans. Ci sono poi una serie di prodotti siderurgici (l'elenco è lungo diverse pagine), seguiti dalle motociclette, scooter inclusi, con cilindrata superiore ai 500 cc, imbarcazioni a vela o a motore, canoe. Inclusi poi diversi tipi di cellulosa, calzature, statuette o articoli in ceramica, vetri temperati, bicchieri da tavola, lavatrici industriali e domestiche, apparecchiature elettroniche per la traduzione e carte da gioco. L'elenco, molto dettagliato, contiene numerose specificazioni ed eccezioni per ciascun prodotto.

Intanto il neo ministro dell'Economia tedesca, Peter Altmaier, andrà negli Usa domenica prossima ed incontrerà tra domenica e martedì a Washington "i rappresentanti del governo americano" per discutere di "temi di attualità", come le "tariffe doganali" per scongiurare la minaccia di una guerra commerciale tra gli Stati Uniti e i suoi partner europei, inclusa la Germania. 
Condividi