Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/di-maio-tria-smentite-tensioni-lavoriamo-insieme-70574766-1caf-49f8-b555-8808a70bbe27.html | rainews/live/ | (none)
POLITICA

Di Maio smentisce tensioni: con Tria lavoriamo insieme

"Nessuna minaccia, nessun ultimatum, nessuna tensione tra me e Giovanni Tria": così il vice presidente del Consiglio ha smentito le notizie di un pressing del Movimento 5 stelle sul ministro dell'Economia, che sarebbe a rischio nel caso in cui non si trovino le coperture per il reddito di cittadinanza

Condividi
"Smentisco categoricamente quello che ho letto sui giornali stamattina: nessuna minaccia, nessun ultimatum, nessuna tensione tra me e Giovanni Tria": così il vice presidente del Consiglio, Luigi Di Maio, ha smentito da Gualdo Tadino, durante la sua visita allo stabilimento Tagina, le notizie di un pressing del Movimento 5 stelle sul ministro dell'Economia, che sarebbe a rischio nel caso in cui non si trovino le coperture per il reddito di cittadinanza. "Noi stiamo lavorando egregiamente a una legge di bilancio coraggiosa che tenga i conti in ordine - ha proseguito Di Maio - qui l'unica cosa che stiamo facendo è lavorare 24 ore su 24 per trovare tutte le soluzioni che servono ai cittadini per portare a casa reddito di cittadinanza, flat tax e superamento della Fornero. E' un lavoro di squadra, non ci sono divisioni su questo nemmeno con Giovanni Tria: c'è la piena volontà di tutte le parti del governo di dargli una mano ad ottenere questi risultati".


Il monito di Moscovici: "L'Italia è un problema nella zona euro, sia credibile sul bilancio"
"L'Italia deve essere credibile, con un bilancio credibile", ha detto il commissario Ue agli affari economici e monetari, Pierre Moscovici, nel corso di una conferenza stampa a Parigi. "Ho visto il ministro Tria venerdì pomeriggio a Vienna. continuiamo a lavorare per una soluzione comune", ha detto. E ha aggiunto che "alla fine non sarà soltanto lui a votare la legge di bilancio, ma tutto il governo". Quindi un nuovo appello affinché il nostro Paese riduca il debito per il suo stesso interesse. "C'è un problema che è l'Italia" nella zona euro, ha dichiarato Moscovici.
Condividi