Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/diritti-tv-lega-a-assegna-mediapro-1fa2bb3a-6946-40ef-a7da-a006a5b72faf.html | rainews/live/ | (none)
SPORT

Calcio

Diritti tv: Lega A li assegna a Mediapro

L'offerta spagnola per i diritti sulle partite del triennio 2018/2021 è di mille euro sopra il minimo di 1,05 miliardi. Adesso si dovrà pronunciare il garante della concorrenza. Mediapro: "La serie A si vedrà su tutte le piattaforme possibili"

(lapresse)
Condividi
Con un'offerta di mille euro superiore alle richieste minime della Lega Serie A, Mediapro ha ottenuto l'assegnazione dei diritti tv del campionato per il prossimo triennio. Come si legge in una nota, l'assemblea della Lega ha verificato che l'offerta spagnola pari a un miliardo, 50 milioni e mille euro a stagione è superiore al prezzo minimo previsto dal bando e conseguentemente procederà alla comunicazione all'autorità garante della concorrenza e del mercato dell'assegnazione dei diritti tv.
 
MediaPro si è presentata in Lega questa mattina con una delegazione guidata dal presidente Jaume Roures e da uno dei soci storici, Tatxo Benet, che hanno depositato due proposte economiche: una che riguardava la realizzazione del canale tematico della Lega e una, aderente al bando, che è poi stata accolta, per l'acquisto delle partite dell'intero campionato del triennio 2018/21, che gli spagnoli produrranno e potranno rivendere agli operatori di ogni piattaforma.
 
"L'Assemblea della Lega Serie A - si legge in un comunicato -, riunitasi alle ore 11.30 per l'apertura della busta presentata alle ore 9.36 di oggi per il Pacchetto Global dall'intermediario indipendente Mediapro, ha verificato che l'offerta depositata, pari a 1.050.001.000 euro,  superiore al prezzo minimo richiesto dall'Invito ad Offrire e conseguentemente procederà alla comunicazione all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, come previsto dall'Invito stesso ai fini dell'assegnazione dei diritti in oggetto"..
 
Mediapro: Serie A ha un grande futuro, per noi tifoso importante
"Siamo molto contenti per l'aggiudicazione, speriamo che non ci sarà  alcun problema con l'Antitrust perché vogliamo fare un bel lavoro qui con la Serie A che è una grande competizione, con grandi giocatori e ha un grande futuro, per questo siamo qua, per questo abbiamo investito". È quanto ha dichiarato Tatxo Benet, uno dei soci fondatori di MediaPro, al termine dell'assemblea della Lega Calcio che ha accettato la proposta dell'intermediario spagnolo per la vendita dei diritti tv della Seria A per il triennio 2018-2021.
 
"Per noi importante è il tifoso e l'abbonato - ha sottolineato in conferenza stampa - vogliamo dare le migliori condizioni al tifoso che si abbona per poter vedere la serie A, che si vedrà su tutte le piattaforme possibili".
 
"Vogliamo migliorare il prodotto per aumentare gli abbonati - ha detto Jaume Roures, presidente e socio di MediaPro - In Spagna è cresciuto il numero degli abbonati e non vediamo perché non debba accadere anche in Italia. L'obiettivo è metterci assieme per fare un prodotto migliore - ha concluso - questo mondo non funziona se noi, la Lega e le piattaforme non lavoriamo assieme".
 
De Siervo: si apre un’era diversa
"Siamo tutti contenti, è un percorso nuovo e si apre un'era diversa". Così l'ad di Infront, Luigi De Siervo, nel corso della conferenza stampa al termine dell'Assemblea che ha assegnato i diritti tv per il triennio 2018/2021 all'intermediario indipendente MediaPro. Gli operatori attuali non sono esclusi, avranno l'occasione di sedersi al tavolo con l'intermediario. Il partner che abbiamo scelto è globale, il secondo produttore di eventi live al Mondo", ha aggiunto.
Condividi