Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/draghi-tassi-invariati-disoccupazione-elevata-pericolo-paesi-emergenti-bce-valuta-strumenti-bc1049a3-9c03-4db5-89d6-9ac884b18e77.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

'In Europa non c'è pericolo deflazione''

Draghi: crescita lenta ma incoraggiante

Il governatore della Banca centrale europea Mario Draghi - a seguito della decisione di lasciare invariato il costo del denaro allo 0,25% - parla di ''modesta ripresa nell'economia'' e dichiara che la Bce è ''pronta ad intervenire in maniera decisa, se necessario'', soprattutto se le turbolenze nei Paesi Emergenti avranno ripercussioni sull'Europa. Rischi sull'area Euro ''al ribasso'' 

Condividi
''La Banca centrale europea monitora attentamente gli sviluppi sui mercati emergenti ed è pronta ad azioni decisive se necessarie''. Il governatore della Bce Mario Draghi - dopo aver deciso di lasciare invariato il costo del denaro al minimo storico dello 0,25% - assicura che Francoforte monitora le turbolenze sui mercati emergenti. Draghi sgombra il campo dal pericolo deflazione in Europa (diminuzione generale dei prezzi) e parla di ''segnali di ripresa modesta nell'economia''.

Ripresa lenta ma incoraggiante
Segnali che definisce ''incoraggianti'', ma davanti ai quali ''occorre cautela''. La Bce resta molto cauta anche se sottolinea Draghi "sul fronte della domanda, non ci sono segnali di indebolimento", ma la situazione "e' complessa".

Bassa inflazione, pronti ad agire
Per il 2014 l'obiettivo sarà quello di ''tenere sotto controllo l'inflazione, sotto il 2%''. Inflazione che a gennaio si è attestata allo 0,7%, contro lo 0,8% di dicembre. Una riduzione che beneficia del calo del costo dell'energia. Secondo la Bce, non è escluso che il valore ''possa risalire''. Ma non vediamo deflazione assicura.
"Non ho un atteggiamento 'cool', per niente, davanti all'attuale livello d'inflazione, che è un
rischio per la ripresa'' le parole di Draghi che ha ribadito che la Bce è pronta ad intervenire.

Il governatore dell'Eurotower riferisce che nell'area Euro ''la disoccupazione si sta stabilizzando, ma risulta ancora troppo elevata''. Draghi aggiunge: ''gli effetti della politica monetaria sui tassi non si riflettono su quelli applicati a Francia e Italia''.

No opacità delle banche
"Conservare l'opacità dei bilanci bancari non aiuterebbe".Il presidente della Bce ha spiegato che i che i test per fare trasparenza sulle banche hanno provocato un impatto negativo sul credito a breve termine, ma che invece un ritorno di fiducia nel settore potrà
aiutare nel medio e lungo termine.








 
Condividi