MONDO

Usa, Trump si accorda con i democratici per il futuro dei Dreamer: non saranno deportati

Condividi
Donald Trump aggira ancora una volta i repubblicani e sigla un accordo con i leader democratici per risolvere il nodo dei Dreamer, tutelandoli dalla deportazione. Un'intesa per lavorare insieme raggiunta a cena alla Casa Bianca a base di cibo cinese e per finire una torta al cioccolato. In cambio delle tutele per i Dreamer, i giovani immigrati arrivati da bambini negli Stati Uniti con genitori illegali, Trump ha ottenuto l'impegno a lavorare su un pacchetto di misure per rafforzare la sicurezza ai confini che esclude però' il Muro con il Messico.    
Ad annunciare l'accordo sono i leader dei democratici alla Camera Nancy Pelosi e al Senato Chuck Schumer. Più pacati i toni della Casa Bianca che riferisce di una cena ''costruttiva'', durante la quale si è parlato del Daca, il Deferred Action for Childohood Arrivals che difende i Dreamer, della sicurezza dei confini e della riforma delle tasse. Una cena che conferma ''l'impegno forte del presidente a soluzioni bipartisan sui problemi che interessano di piu' agli americani'' riferisce la Casa Bianca.      ''Ci siamo accordati per conservare con una legge le tutele del Daca e per lavorare a un pacchetto per la sicurezza dei confini, escluso il muro che sia accettabile per tutte e due le parti'' si legge nella nota diffusa da Pelosi e Schumer. Immediata la precisazione della Casa Bianca: a cena ''si e' parlato di Daca e si sicurezza dei confini, ma sull'esclusione del muro certamente non c'è stato accordo'' afferma su twitter Sarah Huckabee Sanders.    Per i repubblicani si tratta di un nuovo schiaffo da parte del presidente dopo l'accordo con i democratici sul tetto del debito in cambio degli aiuti per l'uragano Harvey. L'intesa raggiunta con i democratici sui Dreamer ha bisogno in ogni caso dell'appoggio dei repubblicani, molti dei quali gia' irritati con Trump per l'accordo sul debito.
Condividi