Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/elezioni-minniti-rischio-mafie-condizionino-voto-troppo-silenzio-8a87bf56-fd89-4c0d-ad42-0aa01df0fd58.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

Senato

Elezioni, Minniti: c'è il rischio che le mafie condizionino voto, c'è troppo silenzio

Il ministro dell'Interno alla presentazione della Relazione finale della commissione antimafia

ansa
Condividi
"Dire che le mafie sono una minaccia alla democrazia non sembri irrituale alla vigilia di una competizione elettorale, è cogente nel momento in cui c'è il rischio che le mafie possono condizionale il voto libero, e minacciare la cosa più importante in una democrazia". Lo ha detto il ministro dell'interno, Marco Minniti, nel suo intervento in Senato alla presentazione della Relazione finale della commissione antimafia. "Su questi temi non ci può essere silenzio - ha sottolineato Minniti - c'è troppo silenzio nella campagna elettorale".

"Mafia e terrorismo, mai abbassata la guardia"
"Abbiamo dovuto affrontare una doppia minaccia: da un lato un'incombente minaccia di carattere terroristico, Dio sa quanto questo pesi sulla vita della gente e quante forze di carattere investigativo e operativo abbia impegnato. E dall'altro siamo riusciti a tenere alta la sfida - senza mai per un attimo abbassare la guardia - della lotta alle mafie sui territori", continua il ministro Minniti, "possiamo presentarci oggi con un patrimonio di risultati particolarmente importanti: è stata legislatura dell'antiriciclaggio, del codice antimafia. Basta scorrere l'agenda delle operazioni negli ultimi anni per comprendere lo sforzo imponente di contrasto alle mafie, dalle catture dei latitanti alle confische dei beni. Penso sia importante consolidare il dato che non abbiamo abbassato la guardia. Terrorismo e mafie sono entrambi una minaccia drammatica alla democrazia, per questo non si poteva abbandonare il tema del contrasto radicale alle mafie".

Relazione: morto Riina, Cosa nostra può trovare strategia comune
La "fase di sommersione" di Cosa nostra "seguita alla sconfitta della mafia corleonese, eversiva e stragista, e all'assenza di un capo attivo, che si è tradotta in assenza di una strategia unitaria, non hanno intaccato le potenzialità criminali di Cosa nostra, che nonostante l'azione incessante delle forze dell'ordine e della magistratura mostra una straordinaria capacità di rigenerazione".

È quanto si legge nella Relazione finale della Commissione parlamentare antimafia presieduta da Rosy Bindi. "Cosa nostra è vitale in ciascuna provincia siciliana. In questi anni l'organizzazione ha mantenuto il controllo del territorio e gode ancora di ampio consenso, ed esercita tuttora largamente la sua capacità di intimidazione alla quale ancora corrisponde, di converso, il silenzio delle vittime. La morte di Totò Riina costituisce paradossalmente un ulteriore elemento attuale di forza. Cosa nostra - spiega la Relazione - è infatti libera di ridarsi un organismo decisionale centrale, e quindi una strategia comune, finora ostacolata dalla esistenza di un capo che, in carcere a vita al 41-bis, né poteva comandare né poteva essere sostituito. Andrà perciò attentamente monitorata la fase di transizione che si è formalmente aperta e che probabilmente subirà un'accelerazione a breve". 
Condividi