Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/ema-milano-chiede-a-corte-sospensione-trasferimento-a3d0fd5f-c965-4e5e-9ecc-cc789be886cd.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Agenzia europea del farmaco

Ema, Milano chiede alla Corte di giustizia dell'Ue la sospensione del trasferimento

Richiesta di 'procedimento sommario' motivato da urgenza. Ma intanto, nota dell'Ema: la soluzione di Amsterdam assicura continuità operativa

Condividi
Il Comune di Milano ha presentato alla Corte di giustizia Ue la richiesta per sospendere il trasferimento dell'Ema da Londra ad Amsterdam. È stato infatti presentato, oltre al ricorso principale, anche un ulteriore procedimento, detto sommario, motivato dall'urgenza della situazione e per prevenire un danno grave e irreparabile a una delle parti. È quanto emerge dalla Corte. I tempi di decisione della Corte in questo tipo di procedimento sono di norma molto più rapidi di quelli per le procedure ordinarie.

Sindaco Sala: aspettiamo 12 febbraio, non mollo
"Su Ema io non voglio mollare. Mi pare che ogni giorno aumentano i dubbi sulla proposta olandese. Certamente, lo dico senza rischio di smentita, non sono stati molto corretti lasciando intendere che una soluzione transitoria sarebbe stata sufficiente": così il sindaco Beppe Sala su Ema. A margine di un evento a Milano, ha aggiunto: "Sto sollecitando governo e presidente del Consiglio. Questo non è il momento di lamentarci o frignare, ma di combattere. Ci credo ancora molto. Il primo passaggio ora è la visita della Commissione del 12".

Commissione Ue: obbligati a segreto su documenti Ema
"Sono documenti degli Stati membri, che ci hanno chiesto di mantenerli confidenziali" secondo regole che gli Stati si sono dati in "piena trasparenza" e "noi siamo obbligati" a mantenerli confidenziali. Così un portavoce della Commissione Ue ha risposto a chi chiede se l'Esecutivo renderà pubblici i documenti olandesi secretati per l'offerta per l'Ema, dopo le quattro interrogazioni europarlamentari dei giorni scorsi.

Ema: soluzione Amsterdam assicura continuità operativa
"La soluzione temporanea" trovata dalle autorità olandesi per il trasloco dell'Agenzia europea del farmaco (Ema) "assicura la continuità operativa ad Amsterdam per il periodo ponte, fino a quando l'edificio permanente sarà completato, il 15 novembre 2019". Si legge in una nota del Comitato di gestione dell'Ema pubblicato sul sito dell'Agenzia Ue dopo una riunione straordinaria avvenuta ieri con rappresentanti del governo olandese.
Condividi