TECH

Dalle 'nuvole' un aiuto al trasporto aereo

La scatola nera? Mandatela su cloud

Esperti di sicurezza area raccomandano di adottare soluzioni più tecnologiche per la raccolta dei dati di volo. Una soluzione potrebbe essere quella di far inviare le informazioni chiave a un server su cloud.

Scatola nera: tecnologia superata
Condividi
di Celia GuimaraesNew York Ricercatori provenienti da più d venti Paesi sono impegnati a cercare i rottami del volo Malaysian Airlines 370 e nel mentre, alcuni esperti di trasporto aereo chiedono che scatola nera che contiene le registratore di volo diventi più al passo con i tempi. La raccomandazione è che almeno parte dei dati chiave sul volo venga trasmessa  e immagazzinata su cloud.

In un’intervista a GigaOm, Mark Rosenker, ex presidente del National Transportation Safety Board (NTSB ) e generale in pensione dell’ US Air Force, ha detto che quest’ultimo incidente aereo, insieme a quello di cinque anni fa del volo Air France 447, caduto in Atlantico, dovrebbero portare verso la riforma del processo, abbastanza anacronistico, di raccolta dati.

Ovviamente ci sarebbero le spese e ostacoli tecnologici da superare, ricorda Rosenker. Lo streaming di tutti i dati di un piano di volo su cloud sarebbe troppo costoso, ma raccogliere periodicamente dati chiave potrebbe avere un costo non proibitivo. E la disponibilità di dati, oggi limitati alla scatola nera e alle registrazioni vocali, potrebbe accelerare le inchieste sugli incidenti e aiutare ad individuare immediatamente un aereo in difficoltà se si trovasse fuori dalla portata dei radar a terra.

Anche Oliver McGee, un altro ex funzionario della NTSB, si è detto d’accordo, sostenendo che è il momento di spostare la scatola nera al cloud, almeno per i dati essenziali dei voli lunghi e in sorvolo di aree remote.
Condividi