Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/esplosione-cascina-procuratore-usato-un-ordigno-fai-da-te-eb92cc1c-4602-4383-a05f-63745434b1ee.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Conte: "Trovare presto i colpevoli"

Esplosione cascina, usato un ordigno 'fai da te'. Il proprietario: c'era invidia

Sui corpi dei tre vigili del fuoco morti sotto le macerie è stato eseguito l'esame esterno: dai risultati si capirà se sarà necessaria l'autopsia. Oggi gli inquirenti stanno ascoltando altre testimonianze. Il proprietario della cascina: in paese c'era invidia

Condividi

"Questo è un omicidio volontario, chi ha provocato la morte dei vigili del fuoco l'aveva messo in conto". Così il procuratore capo di Alessandria, Enrico Cieri​. E spiega che per fare saltare in aria la cascina di Quargnento (Alessandria) è stato usato un ordigno 'fai da te' con un materiale ben diverso da quello utilizzato dalla criminalità organizzata. Sui corpi dei tre vigili del fuoco morti, sotto le macerie è stato eseguito l'esame esterno: dai risultati si capirà se sarà necessaria l'autopsia. Oggi gli inquirenti stanno ascoltando altre testimonianze. Per il momento non c'è alcun indagato e tutte le persone sono state ascoltate come "informate sui fatti".

Il proprietario della cascina: in paese c'era invidia
"In paese c'era invidia nei miei confronti". E' quanto avrebbe riferito da Giovanni Vincenti agli inquirenti. Secondo quanto appreso Vincenti, che non è indagato, è stato sentito a più riprese e in un'occasione avrebbe parlato di invidie passate. Sulla presenza delle bombole di gas e degli inneschi all'interno della cascina Vincenti avrebbe, invece, ribadito di non saperne nulla. Sul caso indagano sia i carabinieri sia la polizia, con le forze dell'ordine che stanno raccogliendo i filmati delle videocamere di sorveglianza posizionate agli ingressi dei paesi della zona.

Bandiere della Regione Piemonte a mezz'asta
Bandiere a mezz'asta sulle facciate del Palazzo della Giunta e del Consiglio regionale del Piemonte, in piazza Castello e in via Alfieri a Torino. La decisione e' stata presa dai presidenti Alberto Cirio e Stefano Allasia in onore dei vigili del fuoco Matteo Gastaldo, Marco Triches e Antonino Candido, che hanno perso la vita ieri nell'esplosione di una cascina di Quargnento (Alessandria). Listato a lutto anche il sito della Regione, che sara' presente in forma ufficiale con il proprio gonfalone il giorno della celebrazione dei funerali delle vittime.

Conte: "Trovare presto i colpevoli"
I vigili del fuoco morti ad Alessandria "chiamiamoli per nome Antonio Candido Marco Triches e Matteo Gastaldo. Mariti, padri amorevoli, che hanno perso la vita in un incidente, forse un attentato. La magistratura indagherà e confidiamo che quanto prima se ci sono dei colpevoli avranno un nome e un cognome". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, durante la sua visita al dipartimento nazionale della Protezione Civile a Roma.

Condividi