Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/eternit-reato-ambientale-sindaco-pg-iacoviello-0d29741f-afb2-43ed-ad38-c6a0cb0d2f49.html | rainews/live/ | true
ITALIA

La polemica

Eternit, il ddl sul reato di disastro ambientale si arena in Parlamento

E il sindaco di Casale Monferrato torna ad attaccare il pg Iacoviello: "Parole indegne dopo la sentenza"

Condividi
Il progetto di legge che punta, tra l'altro, a introdurre il reato di disastro ambientale nel nostro ordinamento, non è stato calendarizzato per l'Aula di palazzo Madama. A denunciarlo è il presidente dei senatori di Sel Loredana De Petris che protesta contro "l'ipocrisia di chi si straccia le vesti dopo il disastro Eternit e poi però in Parlamento non fa nulla" perché casi del genere non si ripetano. Contro la proposta di inserire il testo in calendario hanno votato tutti, ad eccezione di Sel e M5S.

"Il diritto è il mezzo e la giustizia il fine, quelle del pg Iacoviello sono parole indegne, avrebbe fatto meglio a non dirle". Il sindaco di Casale Monferrato Titti Palazzetti commenta così l'affermazione del procuratore generale sulla sentenza Eternit secondo cui "tra il diritto e la giustizia un giudice deve scegliere il diritto". "E' stata la cosa più sconvolgente di tutta la sentenza", afferma ai microfoni di Radio 24 la prima cittadina, che ha incontrato i vertici dello Stato. "Questo reato non poteva essere prescritto - aggiunge - perché sia le cause sia gli effetti sono tuttora in corso. Ieri il vicepresidente del Csm Legnini ci ha detto che questa sentenza poteva chiaramente essere diverse. Un'interpretazione letterale di un codice del 1930 non può fare giustizia".
Condividi