Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/fablab-genuino-maker-faire-6b8c56fb-6d9a-4aaf-b5c0-16e66be1e56d.html | rainews/live/ | (none)
TECH

Come i giovani maker usano la scheda Arduino-Intel

Maker Faire. Tour al FabLab, dove tutto è Genuino

Genuino 101 è la nuova scheda nata dalla collaborazione tra Arduino e Intel, annunciata alla Maker Faire 2015 di Roma. E’ stata pensata per le scuole, per agevolare il percorso dei giovani maker

Condividi
di Celia Guimaraes Il cuore di Genuino 101 è il piccolo chip Curie, presentato da Intel al CES 2015. La scheda è indirizzata alle scuole e quindi agli studenti che vogliono conoscere da vicino il mondo dei maker.

Massimo Banzi, co-fondatore e CEO di Arduino, ha spiegato durante la conferenza inaugurale che Genuino 101 può essere comandata da smartphone e tablet e sarà venduta alle istituzioni scolastiche a partire dal 2016, ad un costo di 27 euro. I professori avranno accesso a siti riservati, dove troveranno moduli di insegnamento e servizi di assistenza.

Gara tra FabLab
Abbiamo visitato nel padiglione Intel alla Maker Faire i FabLab, piccoli laboratori-officine concepiti al Mit, il celebre istituto di tecnologia di Boston, che oggi sono disseminati ovunque, anche in Italia.
Coordinati dal FabLab di Milano, sono stati portati otto progetti di altrettanti FabLab italiani.




Abbiamo visto il cane domotico per controllare la casa (animali domestici compresi) via tablet, abiti con sensori, sistemi per gestire via wifi la raccolta differenziata. Una carrellata delle proposte dei FabLab è in questo video:



Gli otto progetti sono stati anche in gara: il pubblico alla Maker Faire poteva votare il suo preferito su Twitter e la premiazione è avvenuta durante la manifestazione. Il vincitore è il FabLab di Palermo con il progetto Sensei automated greehouse (serra automatizzata).

Di seguito la descrizione del progetto vincitore
Il progetto di questa serra automatizzata sfrutta le potenzialità dell'infrastruttura modulare "Sensei Open Source Things Server" realizzata dal team del FabLab Palermo. La serra è stata costruita all’interno di una vetrinetta cilindrica ed è composta da due ambienti separati. Quattro sensori monitorano in tempo reale umidità, temperatura e luce informando l'utente circa lo stato delle rilevazioni. Il sistema gestisce l’irrigazione, il ricircolo dell'aria, l’attivazione dell'umidificatore e delle lampade. L'intero sistema può essere controllato, gestito e personalizzato attraverso una interfaccia web user friendly incorporata nel sistema stesso.
Sebbene il progetto non necessiti di connettività per il funzionamento di base, il sistema può accedere a Internet per inviare email di alert, può essere configurato per pubblicare status su twitter o inviare SMS via web, può esportare i dati aggregati e potenzialmente pubblicarli su servizi cloud. Se il sistema viene connesso in rete, può essere reso accessibile remotamente. 
 
Tutti i progetti degli otto FabLab sono disponibili online 
Condividi