Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/figlio-morto-diamante-diamantificazione-treviso-memoria-ceneri-132496bd-b53e-4778-adb0-1e04a4f41919.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

Il dolore della memoria

Perde il figlio e ci fa un diamante

È successo a Treviso. Un uomo di 55 anni non si rassegna per la perdita del figlio ventenne e decide di fare un diamante con le sue ceneri

Condividi
Treviso

Il diamante nell’immaginario comune ha sempre rappresentato una buona metafora per descrivere l’amore dei genitori per i figli, per la sua caratteristica principale: è eterno. E forse è proprio per questo motivo che un signore trevigiano, rimasto da tempo ‘orfano’ del figlio ventenne, ha deciso di rendere le spoglie del giovane un prezioso da portare con se ad imperitura memoria.

La notizia arriva da Conegliano, cittadina in provincia di Treviso dove Silvia Zanardo, titolare di un’agenzia funebre, in questi giorni ha consegnato per la prima volta ad un suo cliente un diamante ricavato dalle ceneri del figlio. Nel nostro paese questa pratica, chiamata diamantificazione, non è ancora nota,ma altrove è già conosciuta.

La titolare dell’impresa ha raccontato ad un giornalista locale la vicenda. Secondo quanto riportato dalla commerciante, il signore, venuto a conoscenza della pratica da un volantino esposto nell’agenzia, “è rimasto così colpito dalla cosa - ha spiegato - da chiedermi di rendere eterne le spoglie del figlio ventenne, sepolto nel cimitero del paese di origine”. Così, dopo la riesumazione della salma, la sua cremazione e la consegna delle ceneri alla società che si occupa della ‘diamantificazione’, “gli abbiamo consegnato il gioiello dopo alcuni mesi e per lui è stata una grande emozione”.

La ‘diamantificazione’
Ad aver brevettato la pratica è una società Svizzera che da tempo sta sponsorizzando il suo prodotto, chiamato il 'Diamante della memoria'. Sul sito internet dell’azienda viene anche spiegato il processo attraverso il quale è possibile ottenere il gioiello. Il sistema è semplice: il carbonio presente all’interno delle ceneri, ottenuto dalla cremazione del corpo, viene tenuto per sei mesi ad una pressione ed ad una temperatura elevatissima. Grazie a questo processo, come si trattasse di madre natura, è possibile ottenere un diamante. A quanto sostiene la società, la caratura del prezioso è variabile a seconda del carbonio contenuto nelle ceneri.

Condividi