Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/firenze-visita-tattile-museo-archeologico-be5139b4-a5c1-4c5d-ab92-33d1e5389c93.html | rainews/live/ | true
CULTURA

Il 3 dicembre

Firenze, visita guidata tattile al museo archeologico

Per la Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità

Sarcofago delle Amazzoni MAF (Ansa)
Condividi
I disabili visivi a Firenze avranno l’opportunità di visitare il Museo archeologico nazionale per mezzo di un’iniziativa curata dai Servizi educativi e didattici.

Si tratta di una visita guidata tattile in programma il 3 dicembre.

La visita è gratuita, occorre prenotare per telefono allo 055.580319 dell’Uici. Si formano gruppi di massimo 5 persone. Il tour guidato dura un’ora e mezza; tre le fasce orarie: 10.30, 12.30 e 15.

Sarà in concomitanza con la Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità.

Il titolo dell’iniziativa è: “L’arte eè il tempo dei sensi. La scoperta multisensoriale dell’archeologia del Maf. Il banchetto funerario e la rappresentazione del Mito in Etruria.”

La visita valorizzerà anche la “lettura” tattile della narrazione figurativa di alcune storie del Mito classico, realizzata con la tecnica del bassorilievo sulla cassa di tali urne, cercando di interpretarne e comprenderne il significato funerario.

La visita guidata tattile riservata al pubblico con disabilità visive è orientata alla variegata Collezione di urne etrusche del MAF e volta ad “esplorare” la consueta iconografia del defunto in atteggiamento conviviale, colta nei vari dettagli cronologici, stilistico-compositivi, di qualità di esecuzione e conservazione.

Come esemplificazione del cosiddetto  “vasellame da mensa” che corredava le tavole di Greci ed Etruschi, nell’antico costume sociale del Symposio, sarà interessante, inoltre, poter prendere in mano i vasi della “Collezione di Confronto” del MAF. Copie delle più consuete forme vascolari del mondo greco classico permetteranno, infatti, di entrare in confidenza con l’ampia varietà tipologica e con i loro nomi, indagandone i dettagli e le funzioni. Altri reperti ed opere scultoree, infine, contribuiranno a contestualizzare la suggestione monumentale del mondo funerario etrusco.
Condividi