Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/firmato-memorandum-italia-cina-di-maio-vince-made-in-italy-altri-accordi-in-aprile-0d7111c0-a5b8-4998-a757-b646efe7dae0.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Presidente cinese nel pomeriggio a Palermo

Firmato memorandum Italia-Cina. Di Maio: "Vince Made in Italy. Altri accordi in aprile"

Il premier Conte e il presidente cinese Xi Jinping, assieme al vicepremier Di Maio e al presidente della Commissione nazionale di sviluppo e riforme He Lifeng, hanno firmato il Memorandum sulla collaborazione nell'ambito della "Via della Seta Economica" e dell' Iniziativa per una Via della Seta marittima del 21° secolo

Condividi
Firmato a Villa Madama,a Roma, il memorandum d'intesa tra Italia e Cina sulla collaborazione nell'ambito della "Via della Seta Economica" e dell'Iniziativa per una Via della Seta marittima del 21° secolo. A siglare il documento, il premier Giuseppe Conte e il presidente cinese Xi Jinping, oltre al vicepremier Di Maio e al presidente della Commissione nazionale di sviluppo e riforme He Lifeng.

Di Maio: "Vince l'Italia"
 "Solo gli accordi firmati qui oggi in sostanza valgono 2,5 miliardi di euro. Accordi che hanno un potenziale di 20 miliardi di euro". Lo afferma il vicepremier Luigi Di Maio nel punto stampa a Villa Madama dopo la firma del Memorandum con la Cina. 

"La firma" degli accordi Italia-Cina "fa dell'Italia il primo paese del G7 che entra nella Via della
Seta, ora bisogna monitorarne l'attuazione" - ha proseguito - Quanto all'opposizione in seno all'Ue, "non parlerei di posizione franco tedesca, l'Italia e' arrivata prima e altri Paesi europei hanno diverse posizioni che possono essere critiche ma come ha detto qualcuno negli Usa, America First... Restiamo alleati Usa e della Nato ma quando si tratta di relazioni commerciali, a me interessa questo".

"Per noi oggi è un giorno importantissimo, un giorno in cui vince il Made in Italy, vince l'Italia, vincono le imprese italiane. Abbiamo fatto un passo per aiutare la nostra economia a crescere" - ha spiegato ancora Di Maio -"Ci sarà una task force del Mise che monitorerà gli accordi, lavoriamo perché ci siano altri accordi da qui alla visita del premier Conte in Cina", spiega. Poi il vicepremier auspica che sia un riequilibrio della bilancia commerciale: "Troppo Made in Cina, poco Made in Italy". E aggiunge: "lavoriamo ad altri accordi entro aprile". Poi rispondendo a chi gli chiedeva della perplessita di Matteo Salvini che oggi ha ricordato che in Cina "non c'e' libero mercato", ha risposto: "Lui ha il diritto di parlare io ho il dovere di fare i fatti, come ministro dello Sviluppo economico .Oggi abbiamo firmato accordi per 2,5 miliardi e potenziale di 20". 

Conte a Xi Jinping: "Impostare una più efficace relazione"
Italia e Cina "devono impostare una più efficace relazione". E' l'auspicio espresso dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in occasione dei colloqui con il presidente cinese Xi Jinping a Villa Madama, sottolineando come i rapporti tra Roma e Pechino siano già "tradizionalmente molto buoni". "L'incontro sia proficuo - ha sottolineato ancora il premier - e ci permetta di guardare con rinnovato interesse" ai rapporti tra i due Paesi. 

Una Palermo blindata si preapara ad accogliere XI Jinping
Una Palermo blindata si prepara ad accogliere il presidente cinese Xi Jinping per una visita che durerà meno di 24 ore. Innalzate le misure di sicurezza e già da ieri sono entrati i vigore i primi divieti di sosta. La polizia municipale ha introdotto oggi nuove limitazioni alla circolazione veicolare. In particolare, piazza Indipendenza è stata chiusa alle auto alle 7 di oggi e lo sarà "sino a cessate esigenze". Top secret i luoghi da visitare. L'unica certezza è la visita a Palazzo dei Normanni, che durerà 37 minuti in tutto. Presenti anche il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il Presidente della Regione siciliana Nello Musumeci e il Presidente dell'Ars Gianfranco Miccichè.

La polizia municipale ha invitato i palermitani "a limitare l'uso dell'auto privata nelle giornate di domani e domenica, raccomandando di utilizzare i mezzi pubblici o moto". In vista dell'arrivo di Xi che alloggerà a Villa Igiea, già da venerdì sono scattati i primi divieti di sosta in molte strade del quartiere Arenella e in particolare nei pressi di ''Villa Igea''. Non si conoscono ancora eventuali altre tappe del presidente cinese a Palermo.



 
Condividi