ECONOMIA

Fisco

Spesometro 2017 nel caos: in tilt sito dell'Agenzia delle Entrate per l'invio fatture elettroniche

Prorogata al 5 ottobre la scadenza entro cui inviare le fatture elettroniche al Fisco. Il sito tornerà a funzionare da martedì

Condividi
di Tiziana Di Giovannandrea Bloccato da venerdì scorso. Il sito dell'Agenzia delle Entrate è andato in tilt nella parte dedicata all'invio telematico dei dati delle fatture emesse e ricevute, a causa della gigantesca mole di dati relativi allo spesometro 2017, che contribuenti ed intermediari devono inviare entro la scadenza del 28 settembre. 

Prorogata al 5 ottobre la scadenza entro cui inviare le fatture elettroniche
Agenzia delle entrate comunica che il servizio web "Fatture e Corrispettivi", temporaneamente sospeso dalla serata del 22 settembre, sarà nuovamente disponibile agli utenti entro domani a valle di alcuni interventi correttivi effettuati da Sogei, che gestisce il sistema informativo dell'Anagrafe Tributaria. Il servizio web per l'invio dei dati delle fatture sarà quindi ripristinato, con l'eccezione di alcune funzionalità sulle quali sono in corso ancora interventi da parte di Sogei volti a ripristinare al piu' presto il servizio completo. In considerazione dei disagi sopravvenuti, con provvedimento del direttore di Agenzia delle Entrate in corso di emanazione, saranno ritenute tempestive le comunicazioni relative ai dati delle fatture presentate entro il prossimo 5 ottobre. Inoltre, gli uffici dell'Agenzia, ove riscontrino obiettive difficoltà per i contribuenti, valuteranno la possibilità di non applicare le sanzioni per meri errori materiali e/o nel caso in cui l'adempimento sia stato effettuato dopo il 5 ottobre, ma entro i 15 giorni dall'originaria scadenza.

Le proteste dei commercialisti
A chiedere uno slittamento della scadenza del 28 settembre era stato il Consiglio Nazionale dei Commercialisti assieme alle associazioni dei consumatori dopo la denuncia, da parte dei commercialisti, di quanto stava accadendo da due giorni sul sito: "Il servizio è stato interrotto dallo scorso fine settimana perché inserendo soltanto il codice fiscale dei contribuenti era possibile accedere a tutti i loro dati in 'palese violazione della privacy'". 

Cosicché l'Agenzia delle Entrate ha messo venerdì sera fuori linea, in manutenzione, il servizio web relativo allo spesometro 2017 scrivendo: "Il servizio web è temporaneamente sospeso per manutenzione. Restano attivi tutti gli altri canali di trasmissione" sulla pagina delle 'Fatture e Corrispettivi'.

Da qui la richiesta della necessaria proroga della scadenza del 28 settembre per la spedizione delle fatture e la richiesta di rinvio anche delle annesse sanzioni.

Stante la situazione di incertezza e caos creatasi, il presidente della Commissione di Vigilanza sull'Anagrafe Tributaria, Giacomo Portas, ha dato notizia della convocazione del direttore dell'Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, e dei vertici della Sogei sulla sicurezza dei dati fiscali, per mercoledì.

Lapidario il commento sulla vicenda da parte dell'Ufficio Studi della Cgia di Mestre, che ha chiosato: "Chi di adempimenti fiscali ferisce di adempimenti fiscali perisce". 
Condividi