Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/fmi-allarme-incertezza-politica-spread-banche-827d3dbf-09df-4198-806a-d9eeab2b058f.html | rainews/live/ | (none)
ECONOMIA

Fmi avverte l'Italia: l'incertezza politica mette a rischio le banche

Un "credibile" consolidamento fiscale nel medio termine, riducendo progressivamente il debito "è importante perché l'Italia possa rispondere a rischi al ribasso nel caso si materializzassero". Lo ha sottolineato il direttore del dipartimento Affari Fiscali del Fondo monetario Internazionale, Vitor Gaspar, illustrando il Fiscal Monitor

Condividi
In Italia gli spread sono saliti e "occorre guardare al processo politico per vedere se si trova un compromesso che i mercati giudicheranno sostenibile". Lo ha sottolineato Tobias Adrian, direttore del dipartimento Mercati monetari e dei capitali del Fondo monetario internazionale, illustrando il Global Financial Stability Report, nel quale si sottolinea un rischio contagio per l'Eurozona a causa delle tensioni sul debito sovrano in Italia e il legame con le banche, riportato alla ribalta dall'incertezza politica.  

Un "credibile" consolidamento fiscale nel medio termine, riducendo progressivamente il debito "è importante perché l'Italia possa rispondere a rischi al ribasso nel caso si materializzassero". Lo ha sottolineato il direttore del dipartimento Affari Fiscali del Fondo monetario Internazionale, Vitor Gaspar, illustrando il Fiscal Monitor. In Italia "la solidita' delle finanze pubbliche e' cruciale - ha insistito Gaspar - per la stabilita' del Paese".    

In Italia, "l'incertezza politica" ha portato a "una rinnovata attenzione al nesso tra banche e debito sovrano".   A maggio, ricorda l'Fmi, c'e' stata un'impennata dello spread dei titoli di stato italiani che riflette i timori del mercato sui rischi legati al debito sovrano. Questo ha comportato un aumento dei cds (credit default swap) delle banche italiane. "In tale scenario le tensioni di mercato potrebbero allargarsi ad altri paesi. In ogni caso", spiega l'Fmi, "le riserve di liquidita' delle banche sono migliorate dalla crisi finanziaria anche se le sfide permangono".    

Più in generale, si legge ancora nel Rapporto, "nell'area euro e in altre importanti economie avanzate, le condizioni finanziarie sono rimaste relativamente buone, grazie principalmente alle politiche monetarie ancora accomodanti e nonostante l'incertezza politica".   In Italia ''se dovessero riemergere preoccupazioni sul mercato sulla politica di bilancio, il rischio  è quello di riaccendere il legame fra banche e debito sovrano. In tale scenario, le tensioni sul mercato potrebbero diffondersi ai mercati dei bond in Europa, così come  accaduto durante la crisi dell'area euro e, in modo pi limitato, in maggio''. Lo afferma il Fmi. I ''recenti eventi in Italia suggeriscono che il legame fra banche e debito sovrano resta un importante canale di trasmissione di rischio''.
Condividi