ECONOMIA

Washington

L'Fmi alza la stima del Pil dell'Italia a +1,5% e si allinea al Def

Condividi
Il Fondo monetario internazionale rivede al rialzo la stima sul Pil italiano nel 2017: +1,5% contro l'1,3% stimato lo scorso luglio. Il miglioramento della previsione, perfettamente in linea con quanto indicato dal governo nella Nota di aggiornamento del Def, è contenuto nel World Economic Outlook nel quale l'Fmi è più ottimista anche sul 2018, alzando da +1% a +1,1% le attese sulla crescita del nostro Paese. Nella nota di aggiornamento al Def si stima, invece, +1,5% anche nel 2018 e nel 2019.
 
Secondo gli economisti del Fondo, il rapporto deficit/Pil si attesterà al 2,2% quest'anno per scendere all'1,3% nel 2018, mentre il rapporto fra debito e Pil si attesterà quest'anno al 133%, per poi scendere al 131,4% nel 2018. Le stime del Fondo si basano sulla legge di bilancio 2017 e sul Def di aprile e quindi non contemplano la nota di aggiornamento al Def.
 
L'Fmi prevede poi per l'Italia un tasso d'inflazione all'1,4% nel 2017 e all'1,2% nel 2018 mentre il tasso di disoccupazione è stimato in discesa all'11,4% quest'anno e all'11,0% nel 2018.
Condividi