SPORT

Formula 1

Hamilton domina in Canada, poi Bottas per doppietta Mercedes. Vettel 4° in rimonta

Sesta vittoria in carriera (le ultime tre di fila) per il britannico con la 37.ma doppietta delle Frecce d’argento. Completa il podio la Red Bull dell’australiano Ricciardo che precede la Ferrari di Vettel, autore di una grande rimonta dopo una partenza davvero complicata. Raikkonen 7°. In classifica piloti Sebastian resta davnti ad Hamilton: 141 punti a 129  

Condividi
Dominio assoluto a Montreal di Lewis Hamilton che vince in Canada per la sesta volta in carriera (le ultime tre di fila). Al secondo posto l’altra Mercedes del finlandese Valterri Bottas che vale la doppietta numero 37 per le Frecce d’argento. Completa il podio la Red Bull dell’australiano Ricciardo che precede la Ferrari di Vettel, autore di una grande rimonta dopo una partenza davvero complicata. Raikkonen chiude settimo, superato anche dalle due Force India di Perez e Ocon. Per il tedesco della Rossa punti fondamentali per mantenere un discreto vantaggio su Hamilton: Sebastien Vettel guida la classifica Piloti con 141 punti, 12 lunghezze di margine su Lewis. Mentre in quella Costruttori la Mercedes torna davanti alla Ferrari: 222 a 214.  
 
Prima del via sul circuito cittadino dell’Ile de Notre Dame a Montreal, minuto di raccoglimento per le vittime dell’ultimo attacco terroristico a Londra. Al semaforo verde brutta partenza delle Ferrari con Vettel che viene scavalcato da Verstappen e da Bottas, mentre Raikkonen da  quarto si ritrova sesto. Al primo rettilineo subito un contatto tra Grosjean e Sainz, con lo spagnolo della Toro Rosso che carambola e colpisce in pieno Massa, fuori entrambi. Il francese della Haas invece, entrata la safety car, ne approfitta e sostituisce l’alettone. La safety car resta in pista fino al quarto giro e quando lascia la pista Hamilton è davanti a Verstappen, Bottas, Vettel, Ricciardo e Raikkonen. Proseguono i problemi per il tedesco della Ferrari che perde un pezzo di ala e al 6° giro è costretto ad andare ai box. Riparte addirittura in 18.ma piazza. Intanto Raikkonen rischia di finire addosso ad un muretto mentre subisce l’attacco di Perez che lo passa e si prende la sesta piazza. Hamilton, a suon di giri veloci, allunga in testa. Marc Verstappen, autore di una prima parte di gara super con la Red Bull, alla 12.ma tornata rallenta paurosamente ed è costretto al ritiro, mentre si trovava alle spalle del leader Hamilton. Virtual safety car con il britannico della Mercedes davanti al compagno di squadra Bottas e alla Red Bull di Ricciardo. Raikkonen, in quinta piazza, precede Ocon e Alonso, buon sesto. Inizia il festival dei pit stop: con la Force India di Ocon che entra ai box mentre era in seconda posizione, in pratica ultima a cambiare gli pneumatici assieme ad Hamilton. A metà gara guida Hamilton davanti a Bottas, Ricciardo, Perez, Raikkonen, Ocon, rientrato proprio in mezzo ai due ferraristi, e Vettel.

l leader del mondiale, risalito fino alla settima piazza, ha però il fondo della vettura danneggiato, come comunicato dalla sua scuderia. Al giro numero 43 pit-stop  anche per la McLaren di Alonso. Intanto in testa gran ritmo di Hamilton che guadagna quasi mezzo secondo a giro su Bottas. Staccatissimo Ricciardo, terzo, a guidare un trenino con le due Force India e Vettel, che però al 49 giro torna ai box e rientra in settima piazza. Problema durante il cambio gomme per Kviat, costretto al ritiro. Nel finale ancora brividi per l’ennesima rimonta di Vettel che, grazie ad un lungo di Raikkonen, si riaccoda al terzetto e si piazza sugli scarichi di Ocon. Il tedesco prima si sbarazza di Ocon e poi di Perez per chiudere con un’ottima, visti i problemi alla partenza, quarta piazza. Costretto al ritiro Alonso, per cedimento del motore, mentre era in lotta per l’ottavo posto. Ottimo nona piazza finale per il pilota di casa, il canadese Stroll con la Williams. Prossimo appuntamento domenica 25 giugno a Baku per il Gp dell'Azerbaigian.
Condividi