Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/formula-1-rivoluzione-ferrari-binotto-al-posto-di-arrivabene-cf38ee6f-114f-4c59-9281-254dd9c277e5.html | rainews/live/ | true
SPORT

Maranello

F1, rivoluzione alla Ferrari: Binotto al posto di Arrivabene

Condividi
Cambio al vertice della Gestione sportiva della Ferrari: l'attuale team principal Maurizio Arrivabene sarà sostituito da quello che fino all'anno scorso era il direttore tecnico della scuderia, il 49enne Mattia Binotto.

Il mancato rinnovo del contratto di Arrivabene prelude alla sostituzione che sarà annunciata prossimamente. Per Arrivabene, ex numero uno del marketing di Philip Morris, si chiude un quadriennio in cui la Ferrari non è mai riuscita a lottare fino all'ultimo per il titolo come era accaduto negli ultimi anni di Stefano Domenicali.

"Con Binotto macchina migliorata tanto"
"Binotto è cresciuto in Ferrari, grazie a lui la macchina si è evoluta in senso positivo e soprattutto è uno che ha lavorato con Marchionne. Binotto rispetto ad Arrivabene ha maggior esperienza tecnica specifica, ma allo stesso tempo essendo un tecnico deve farsi le ossa su quella che è la gestione politica della squadra in un campionato che non lascia spazio a chi si deve improvvisare".

Così lo storico team principal della Ferrari Cesare Fiorio commenta ai microfoni di Radio Anch'Io Sport, su Radio1, le indiscrezioni sul clamoroso ribaltone in Ferrari con la promozione di Mattia Binotto a team principal al posto di Maurizio Arrivabene. Sui motivi che avrebbero portato al cambio della guardia, Fiorio ha aggiunto: "I risultati degli ultimi anni sono stai favorevoli fino a quando Marchionne ha potuto metterci le mani. Arrivabene non aveva esperienza di corse, ma solo come pubblicitario e forse era quello che mancava".

Sempre secondo Fiorio "con Marchionne il gap tecnico con la Mercedes era stato in parte limitato, la macchina si era avvicinata molto e l'autore di questo lavoro è stato proprio di Binotto". La perdita di Marchionne, però, è stato un duro colpo alla rincorsa della Ferrari per ridurre il gap con le Frecce d'Argento e ora toccherà a Binotto dal ponte di comando riprendere la corsa. "Senza Marchionne, Binotto è rimasto senza una guida ma è una persona che ha grande fiducia ed esperienza nella parte tecnica".
Condividi