Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/francia-fa-causa-google-apple-pratiche-sleali-0151c4fd-c1cc-44ac-89c2-88b290417341.html | rainews/live/ | (none)
TECH

"Pratiche commerciali sleali"

Pratiche commerciali sleali, la Francia fa causa a Google e Apple

La replica di Google Francia: "Riteniamo che i nostri termini rispettino le leggi francesi e sosterremo il nostro caso in tribunale" 

Condividi

Il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, ha annunciato che lo Stato citerà in giudizio i giganti tecnologici americani, Apple e Google, per "pratiche commerciali sleali" e ha aggiunto che la sanzione potrebbe ammontare a "diversi milioni di euro".  

"Io credo in un'economia fondata sulla giustizia e porterò Google e Apple davanti al tribunale di Parigi per pratiche commerciali sleali", ha reso noto intervistato dall'emittente RTL. 

L'accusa: termini contrattuali "abusivi"
Parigi intende punire quelli che ha definito termini contrattuali "abusivi" imposti dai giganti della tecnologia alle startup e agli sviluppatori. Le Maire ha spiegato alla radio di Rtl di essere stato informato che Apple e Alphabet Google hanno imposto unilateralmente i prezzi e le modifiche del contratto agli sviluppatori che vendono software su Google Play e sull'App Store di Apple. "Per quanto potenti siano, Google e Apple non possono trattare le nostre startup e i nostri sviluppatori come fanno", ha detto Le Maire.

L'autorità francese contro le frodi ai consumatori, la Dgccrf, ha confermato in una successiva dichiarazione di aver iniziato un'azione legale contro i due gruppi tecnologici statunitensi.

La replica di Google
"Con oltre 1000 download al secondo, Google Play è un ottimo strumento per gli sviluppatori Europei di app, piccoli e grandi, inclusi molti in Francia, per distribuire le loro app a persone di tutto il mondo. Abbiamo collaborato con la Dgccrf (Direction générale de la concurrence, de la consommation et de la répression des fraudes) su molti temi negli ultimi anni, incluso Google Play.  Riteniamo che i nostri termini rispettino le leggi francesi e sosterremo il nostro caso in tribunale".

La replica di Apple

"Siamo orgogliosi di avere costruito relazioni solide con decine di migliaia di sviluppatori in Francia, che hanno guadagnato 1 miliardo sull’App Store. Molti di questi talentuosi sviluppatori hanno dato vita alle loro aziende con 1 o 2 persone e hanno realizzato il loro sogno, vedendo aumentare i loro team che offrono app agli utenti di 155 nazioni. Questo è stato possibile grazie all’investimento Apple in iOS, negli strumenti per sviluppatori e nell’App Store. Apple ha sempre insistito sulla privacy e sicurezza dell’utente e non ha accesso alle transazioni con app terze parti. Non vediamo l’ora di raccontare la nostra versione alle corti francesi e chiarire questo fraintendimento. Nel frattempo, continueremo ad aiutare gli sviluppatori francesi a realizzare i propri sogni e assistere gli studenti francesi nell’apprendimento della programmazione offrendo il nostro programma di coding".
 

Condividi